meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 17°
Gio, 27/07/2017 - 03:50

data-top

giovedì 27 luglio 2017 | ore 04:35
Storie
La storia della prima donna chef africana, partita da Brazzaville e che ha da poco aperto un ristorante nel capoluogo lombardo. Ecco il racconto del suo importante traguardo.
Storie - Victoire (al centro): la chef che ha conquistato Milano

"Ogni donna africana è brava in cucina, ma ho voluto approfondire e cercare di conoscere l’arte culinaria tipica dell’Italia”. Sono queste le parole che la chef Victoire utilizza per raccontare la storia della sua vita. Victoire Gouloubi è il primo chef africano a Milano. La giovane donna, di soli trent’anni, è partita da Brazzaville - sua città natale - quando ancora era adolescente, per venire a vivere a Vicenza, ospitata da uno zio.  continua... »

Nei giorni scorsi la squadriglia 'Pantere' del gruppo scout di Castano Primo nella redazione del nostro giornale. Una giornata insieme, provando a fare i giornalisti.
Storie - Le 'Pantere' scout nella nostra redazione

Il 19 luglio noi, squadriglia ‘Pantere’ del gruppo scout di Castano Primo, abbiamo avuto la possibilità di visitare la redazione Logos e di conoscere la sua storia. Questa esperienza è stata molto utile per noi perchè, essendo attratte da questo mondo, abbiamo intrapreso per un giorno la professione del giornalismo. Questo ci permetterà di raggiungere i guidoncini verdi, cioè un riconoscimento regionale  continua... »

Vi ricordate di Ambra Garavaglia, la hostess di terra più famosa di Malpensa e d’Italia? Le sue avventure al check-in sono diventate anche un libro con i tweet più esilaranti.
Buscate - 'C'è un problema al check-in: sei tu'

Vi ricordate di Ambra Garavaglia, la hostess di terra più famosa di Malpensa e d’Italia? Originaria di Buscate, dove è nata e cresciuta, l’avevamo lasciata questo autunno, dopo la nostra intervista, con decine di migliaia di follower su Twitter e su Instagram e l’intenzione nell’aria forse di far diventare le sue avventure al check-in un libro. Be’, questo desiderio... è diventato realtà!  continua... »

Dopo i quattro vulcani attivi italiani nel 2015, adesso Gianluca Moreschi proverà a salire e scendere in un giorno il Teide di Tenerife. L'impresa a settembre.
Storie - Gianluca Moreschi sarà accompagnato da Giovanni Storti (Aldo, Giovanni e Giacomo) e Marco Buzzetti

Vulcani che... passione. C’è chi l’ha già soprannominato, in modo scherzoso, il ‘prof con il fuoco sotto i piedi’ e, in fondo, diversamente non potrebbe essere. Quando, insomma, c’è da cimentarsi con qualche esperienza a dir poco unica, singolare e per alcuni aspetti anche al limite, beh lui non è di certo il tipo che si tira indietro, anzi.  continua... »

La singolare scoperta di Annalisa Di Maria e Ivan Ferro. Nell'opera di Leonardo Da Vinci ci sarebbe un volto nascosto e potrebbe essere Leonardo effiggiato nei panni di Platone.
Storie - Sulla spalla della Gioconda un volto nascosto?

Prendete un’immagine (per la precisione, un dipinto), beh… chissà quante volte vi sarete messi lì ad osservarla per cercare di trovare al suo interno una seconda figura nascosta (perché, diciamocela tutta, chi in qualche occasione non ha mai provato a fare questo particolare gioco?). Ma se dietro a questo semplice passatempo ci fosse una scoperta  continua... »

Una cinquantina di giovani e adulti da Herrin (Stati Uniti) a Cuggiono, proprio nei luoghi da dove tanti e tanti anni fa i loro bisnonni partirono per l'America.
Cuggiono - Da Herrin a Cuggiono

Berra, Garagiola, Gualdoni, Garavaglia,... in anni in cui l’Italia stenta a ridefinire il proprio ruolo di accoglienza all’emigrazione, Cuggiono riallaccia fortemente i legami con i discendenti dei nostri emigrati. E dopo il gemellaggio di due estati fa, ora ha aperto le sue porte agli italoamericani di Herrin giunti in paese la scorsa domenica.  continua... »

Rita Sozzi, giornalista e docente 26enne, soprannominata la 'volpe a pedali' e una nuova avventura. In bici sulla rotta della ferrovia Transiberiana e Transmongolica.
Storie - Rita Sozzi con la sua bicicletta

Una volpe a pedali in Mongolia. No, non è il titolo di una fiaba per bambini ma il riassunto della straordinaria avventura che porterà una giovane ciclista da Mosca a Ulaanbataar, sulla rotta della ferrovia Transiberiana e Transmongolica. La ‘volpe’ è il soprannome di Rita Sozzi, giornalista e docente 26enne di san Pietro all’Olmo (frazione di Cornaredo); i pedali sono quelli della sua inseparabile bicicletta (denominata ‘la Signora’) in sella alla quale ha già girato mezza Europa; la Mongolia è la meta finale da conquistare.  continua... »

L'intervista a Giuliano Nava, la voce di Radio Popolare. Tra gli speaker delle trasmissioni notturne e più precisamente del programma 'Olly Night'.
Musica - Giuliano Nava con la nostra giornalista Maya Erika

Conosciamo da vicino una persona che definire 'grande' è davvero riduttivo. Entriamo nel suo mondo, un po' in punta di piedi e un altro po' irrompendo nei suoi spazi. Lui è speciale, e chi lo conosce può solo confermare la mia idea.

Giuliano Nava, come vuoi presentarti ai lettori?
Non per smentirti, ma sei esagerata!
Mi presenti come una persona speciale, ti ringrazio, mentre più semplicemente sono un individuo capace di portare fino in fondo un progetto in cui credo.  continua... »

Il castanese Fulvio Gambaro è pronto per una nuova iniziativa davvero particolare. Per il traguardo dei 52 anni, percorrerà in bici un circuito di 10 chilometri 52 volte.
Castano Primo - Fulvio Gambaro

Altro che la torta con le candeline, la classica festa o magari una gita fuori porta. No, lui non è di certo il tipo. Non lo è per le ricorrenze tradizionali, figuriamoci se si tratta del suo compleanno. E, allora, forza... si torna sui pedali, perché dopo la 50 ore ‘no stop’ su un percorso di 50 chilometri (nel 2015, in occasione dei 50 anni), adesso il castanese Fulvio Gambaro, per il traguardo dei 52 anni, è pronto a cimentarsi (beh, neanche a dirlo, sempre in bicicletta) con una nuova e altrettanto singolare iniziativa.  continua... »

Fabio Francini, 34 anni di Cuggiono, sabato scorso era alla stadio di Cardiff per seguire la Juventus nella finale Champions contro il Real Madrid. Tante le emozioni.
Cuggiono - Fabio con gli amici: direzione Cardiff

Lo speaker che annuncia le formazioni: Buffon, Bonucci, Barzagli, Dybala, Higuain e via via tutti gli altri. I cori che si levano da una parte all’altra e poi l’inno ufficiale che risuona sul campo e sugli spalti. Adesso sì che l’attesa è davvero finita! Si comincia: pochi minuti ancora e sarà solo e soltanto il terreno di gioco a parlare. Certo, alla fine, avrebbe voluto tornare a casa con un epilogo differente, ma comunque, al di là del risultato, il ricordo e le emozioni rimarranno per sempre stampate nella memoria e nel cuore.  continua... »