meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole discontinue
Ven, 15/11/2019 - 07:50

data-top

venerdì 15 novembre 2019 | ore 08:19
Storie
Umberto Cavallin, per tutti 'Nonno Berto', e un nuovo importante riconoscimento in occasione del 'Premio Letterario Santa Margherita Ligure'. "Una grande soddisfazione".
Mesero - Umberto Cavallin, 'Nonno Berto' (Foto d'archivio)

Una menzione d’onore con targa; un altro importante traguardo che si va ad aggiungere a quelli già raggiunti in questi anni. Ma, in fondo, diversamente non avrebbe potuto essere perché Umberto Cavallin, per tutti semplicemente nonno Berto, da sempre “fa rima” con teatro, poesia, letteratura e “chi più ne ha più ne metta”. E, allora, ecco questo nuovo e prestigioso riconoscimento, stavolta in occasione del ‘Premio Letterario Santa Margherita Ligure - Franco Delpino’.  continua... »

'Fiore che Ride news': una nuova trasmissione a Radio TRM. Il progetto 'Il Fiore che Ride', adesso, anche ai microfoni. Quando la disabilità è condivisione e amicizia.
Attualità - Trasmissione radio (Foto internet)

La simpatia, la brillantezza e l’ironia che coinvolgono e catturano. Tre, due, uno… in onda! Ma non chiedetegli come si chiamano davvero (beh, quello non ve lo diranno mai, perché, in fondo, come capita per molti grandi artisti, anche loro hanno scelto dei nomi d’arte). Mitzu, Qua Paperetti, Pallino, ecc… o più semplicemente il ‘Fiore che Ride News’: tutti sintonizzati, allora  continua... »

Mese Missionario Straordinario: tre storie di giovani del nostro territorio
 Missione - Letizia in Indonesia.1

Letizia Gualdoni, da Cuggiono fino a Nias, un’isola ai margini del vasto arcipelago dell’Indonesia, per un’esperienza con Caritas Ambrosiana, impegnata in un servizio di assistenza alla disabilità in due case di accoglienza e assistenza per bambini con disordini mentali, abbandonati dalle famiglie d’origine o malnutriti, oltre alle visite nei villaggi. “Riscoprire la semplicità e insieme la bellezza di mettersi in gioco, prendendosi cura, nel miglior modo possibile. Cambia lo sguardo confrontarsi direttamente con le ferite degli ultimi, tra contraddizioni e disuguaglianze.  continua... »

Mese Missionario Straordinario: tre storie di giovani del nostro territorio.
Missione - Michela in Bangladesh.1

Michela Martinelli è partita da Turbigo alla volta del Bangladesh, grazie a un progetto conosciuto tramite l’Università Cattolica, ‘Mission Exposure’, realizzato in collaborazione con il PIME. “Insieme a Padre Almir, che ci ha accolto, abbiamo raggiunto una struttura del villaggio di Moeshpur, che ospita oltre 150 ragazzi, per permettere loro un’istruzione maggiore, oltre alle lezioni a scuola. Abbiamo insegnato e imparato canzoni e giochi nuovi, abbiamo riso e ci siamo affezionati. Quando sono partita avevo gli occhi lucidi all’idea di lasciare i nostri nuovi amici...  continua... »

Mese Missionario Straordinario: tre storie di giovani del nostro territorio.
Missione - Emanuele a Nairobi.1

Emanuele Bosetti di Inveruno, dopo il volontariato in Moldova, quest’estate ha vissuto un’esperienza con i Cantieri della Solidarietà in Kenya. “Sapevo che non avrei potuto cambiare il mondo, ma volevo mettermi in ascolto e aiutare - racconta - Ricordo il senso di oppressione (come se ti mancasse l’aria) nella baraccopoli di Nairobi, con le lamiere accatastate una sull’altra, nelle vie strette...  continua... »

Mese Missionario Straordinario: tre storie di giovani del nostro territorio.
Sociale - Giovani in Missione

Si parla tanto dei giovani. E, il più delle volte, male. Accusati di non avere più valori, egoisti, fuggenti ogni responsabilità. Eppure ci sono giovani che scelgono di dedicare le loro “vacanze” dallo studio o dal lavoro per gli altri, felici di affiancarsi a sostegno di progetti con l’obiettivo di aiutare chi vive situazioni di estrema difficoltà negli angoli più remoti e dimenticati della Terra, in Italia o nel mondo.  continua... »

Jawad è un giovane marocchino che saltuariamente staziona nel parcheggio dell’ospedale Fornaroli di Magenta. Insieme a parecchi connazionali.
Magenta - Ospedale Fornaroli

Jawad è un giovane marocchino che saltuariamente staziona nel parcheggio dell’ospedale Fornaroli di Magenta. Insieme a parecchi connazionali. Spesso capita che la gente si lamenti della loro presenza perché alcuni sono troppo insistenti e non è il caso di esserlo, specialmente con chi si reca in ospedale. A volte capita però che questi ragazzi salgano alla ribalta della cronaca per episodi positivi. Magari per piccoli fatti, ma che significano molto.  continua... »

Festa grande alla Rsa Mater Orphanorum, dove la legnanese Angela Taverna ha tagliato il traguardo dei cento anni. Per 40 anni insegnante Elementare a Busto Garolfo e Legnano.
Legnano / Busto Garolfo - Cento anni per la maestra Angela

Festa grande alla Rsa Mater Orphanorum, dove la legnanese Angela Taverna ha tagliato il traguardo dei cento anni. Con lei, la figlia Cristina, il genero Angelo, i nipoti Samuele e Michele, amici, parenti, gli altri ospiti e il personale della struttura. Per la neocentenaria anche un omaggio floreale consegnato dal segretario generale del Comune, Enzo Marino, e dalla funzionaria Michela Gerbino.  continua... »

"È stata in occasione di uno speciale 'San Maurino' che il Consiglio comunale della città di St. Louis ha proclamato il 25 ottobre 2015 “Giorno dell’immigrante buscatese”
Buscate - Buscatesi a St. Louis

Il 25 ottobre quattro anni fa è stata istituita la Giornata dell'immigrante buscatese. Più di un secolo fa, infatti, 500 buscatesi emigrarono verso gli Stati Uniti, più precisamente a St. Louis, nel Missouri, dove tutt'oggi risiedono i discendenti.  continua... »

L'inverunese ha partecipato al Campionato del Mondo Ironman riuscendo a portarlo a termine. "Una grandissime emozione ed una soddisfazione straordinaria - racconta".
Sport / Storie - Luca con la famiglia e un gruppo di amici

Volendo prendere in prestito la canzone del grande Lucio Battisti… “Tu chiamale se vuoi emozioni”. E di emozioni, alla fine, Luca Daledo ne ha vissute davvero tante. Il sogno, infatti, è realtà. Già, perché l’inverunese ce l’ha fatta: non solo, alla fine, ha partecipato al mitico Campionato del Mondo Ironman alle Hawaii, ma l'ha portato a termine.  continua... »