meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole discontinue 19°
Dom, 26/05/2019 - 22:20

data-top

domenica 26 maggio 2019 | ore 23:05
Frecce sui nostri giorni
Che lingua parliamo? Frasi simili, con l'italiano infarcito di termini inglesi, non sono infrequenti, soprattutto in certi ambienti che si danno una patina di esterofilia.
Frecce sui nostri giorni - Che lingua parliamo? (Foto internet)

C’è stato un misunderstanding nel feedback che mi ha fornito sul concept al quale lavoriamo in backstage da qualche giorno. È anche un po’ disordinato, perché ha messo i file in un folder sbagliato e al board di direzione se ne sono accorti subito. Si sa che bisogna essere precisi quando si lavora in found raising”. Scusa, ma che lingua parliamo? Frasi di questo tenore, con italiano infarcito di termini inglesi, non sono infrequenti, soprattutto in certi ambienti che amano darsi una patina di esterofilia.  continua... »

“ Come si fa a dire: accordiamoci con gli altri per dire insieme che vogliamo stare meno insieme?”
Rubrica 'Frecce sui giorni nostri' - Europa e Sovranisti (da internet)

È dal 1979 che ogni cinque anni l’Europarlamento viene eletto con suffragio universale diretto da parte dei cittadini dei Paesi membri. È una strana coalizione di Stati, l’Unione Europea: non è una federazione, non è una semplice alleanza, ha già messo in comune uno dei tre tipici poteri che caratterizzano lo Stato, cioè il diritto di battere moneta, infatti ormai 19 Stati dell’Unione aderiscono all’Euro.  continua... »

Mentre scrivo, i telegiornali di tutta Europa inondano le nostre case con le immagini della cattedrale cattolica di Parigi, Notre Dame, colpita dal violento incendio.
Attualità - L'incendio a Notre Dame (Foto internet)

Mentre scrivo, i telegiornali di tutta Europa inondano le nostre case con le immagini della cattedrale cattolica di Parigi, Notre Dame, che sta crollando in un tremendo incendio che sembra partito dal tetto, ingabbiato in un cantiere che doveva ripulire e consolidare l’edificio per una spesa complessiva di sei milioni di euro. La voce rotta di alcuni testimoni oculari testimonia l’emozione e lo sgomento per la perdita di un pezzetto dell’identità europea e occidentale.  continua... »

Il processo che porta alla progressiva decrescita della pratica religiosa in Italia e - più in generale - in Europa, è iniziato oltre un secolo fa ed è molto complesso.
Rubrica 'Frecce sui giorni nostri' - Una chiesa ormai vuota (da internet)

Il processo che porta alla progressiva decrescita della pratica religiosa in Italia e - più in generale - in Europa, è iniziato oltre un secolo fa ed è molto complesso ed articolato. Il Sole 24 ore del 3 luglio 2018 segnala che in Italia le persone che affermano di partecipare spesso ad una funzione religiosa sono il 40% della popolazione; percentuali affini si ritrovano anche in Austria, Svizzera, Irlanda, mentre in Portogallo sono anche più alte.  continua... »

Non capita di rado di trovare persone che leggano molto, sebbene in Italia, come è noto, leggono di più le donne degli uomini e più i giovani...
Rubrica 'Frecce sui giorni nostri' - Lettori (da internet)

Perché leggere un libro? Non capita di rado di trovare persone che leggano molto, sebbene in Italia, come è noto, leggono di più le donne degli uomini e più i giovani rispetto alle persone mature o di mezz’età. L’andamento della distribuzione della lettura è prossimo e sovrapponibile all’andamento e alla distribuzione dell’istruzione. Non ho intenzione di fare piagnistei sul fatto che gli italiani leggono poco: peggio per loro. Vorrei fermarmi un attimo a riflettere sulle motivazioni di chi legge e, più precisamente, sulle motivazioni di chi legge narrativa.  continua... »

Dopo otto secoli dal viaggio di San Francesco, il Santo Padre torna nel cuore dell’Islam: "Mai più religioni come strumento di potere di chi muove i popoli l’uno contro l’altro".
Attualità - Papa Francesco nel cuore dell'Islam (Foto internet)

Il Papa compie un viaggio rivoluzionario: dopo otto secoli dal viaggio di San Francesco d’Assisi, Papa Francesco torna nel cuore dell’Islam e dice: mai più le religioni come strumento di potere di chi muove i popoli l’uno contro l’altro. I detrattori del Pontefice hanno già cominciato a far sentire la loro voce, accusando assurdamente il papa di avere, con questo incontro, reso equivalenti le diverse religioni. Si tratta di un’accusa infondata: il papa non dice, né con i gesti, né con le parole, che le religioni sono tutte uguali.  continua... »

“Il Ministero ha pensato di cambiare l’Esame di Stato, ma lo fa modificando le regole in corsa”. Ecco alcuni dei cambiamenti che si troveranno di fronte gli studenti.
Scuola - Maturità (Foto internet)

Anche quest’anno, quasi mezzo milione di studenti italiani si appresta a sostenere l’Esame di Stato, che una volta si chiamava ‘Esame di Maturità’, quando i riti di passaggio alla vita adulta non erano un tabù e si diceva chiara e netta una verità evidente: la vita scorre e non si può essere eterni ragazzini. A parte questo discorso, che ci porterebbe lontano, vorrei fermarmi  continua... »

“Sono 130.000 gli italiani sieropositivi che possono ora condurre una vita pressoché normale”
Rubrica 'Frecce sui giorni nostri' - HIV (da internet)

Chi di noi ha almeno quarant’anni, ricorderà gli spot televisivi anti-AIDS che il Ministero della Sanità - così si chiamava allora - mandava in onda nei primi anni Novanta a ritmo martellante. Si trattava di brevissimi filmati che - con chiarezza e semplicità - illustravano come si trasmettesse il virus dell’HIV. In quegli anni, la malattia che deriva dall’HIV, cioè l’AIDS, portava alla morte nell’arco di pochi anni. Il virus HIV si trasmette con scambio di sangue infetto e attraverso i rapporti sessuali non protetti.  continua... »

“Chi non sa, studi, oppure – se non può o non vuole – si affidi a chi sa: non c’è altra via”
Rubrica 'Frecce sui giorni nostri' - Il professor Burioni (da internet)

Il professor Burioni, medico di fama internazionale, insultato perché dice che la scienza non è democratica. È ovvio, ha ragione Burioni: la scienza non è democratica, giacché si basa sui dati di fatto, non sulle opinioni, senza contare, poi, che l’opinione di chi non ha studiato è irrilevante in campo scientifico. Chi non sa, studi, oppure - se non può o non vuole - si affidi a chi sa: non c’è altra via.  continua... »

“Bisogna svegliare quelli che ancora non si sono accorti che viviamo in un mondo interdipendente”
Rubrica 'Frecce sui giorni nostri' - Mondo connesso (da internet)

Le paure ci dividono, ma i bisogni ci uniscono. Bisogna svegliare quelli che – tra noi – ancora non si sono accorti che viviamo in un mondo che è diventato interdipendente. È stata la rivoluzione industriale a renderlo tale; è stato lo sviluppo della tecnologia e delle capacità di viaggiare e comunicare rapidamente a renderlo tale. Fin dall’invenzione del telegrafo, il mondo è andato rapidamente verso quella che oggi chiamiamo globalizzazione. È un processo irreversibile.  continua... »