meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 27°
Sab, 26/05/2018 - 13:20

data-top

sabato 26 maggio 2018 | ore 13:31
Il terzo tempo
Buffon ha annunciato il suo addio alla Juve. Cosa farà adesso, lo si scoprirà tra qualche giorno, intanto salutiamo, al di là del tifo, uno dei portieri più forti di sempre.
Il terzo tempo - Gigi Buffon (Foto internet)

"Ciao Gigi"... ma stavolta è molto di più di un semplice e normale saluto. Perchè, al di là di quella che possa essere la tua fede calcistica, quando anche uno degli ultimi simboli del calcio italiano e mondiale lascia, l'unica cosa che devi fare è quella di stringergli la mano e ringraziarlo per ciò che è stato.  continua... »

Lo strano mondo del calcio: basta una frase o un gesto, che subito vengono presi da esempio. Le dichiarazioni di Buffon dopo Real - Juve, ormai vero e proprio ritornello.
Il terzo tempo - L'azione del rigore concessa al Real contro la Juve (Foto internet)

Domenica pomeriggio, uno stadio di provincia, la squadra di casa che si sta giocando forse la partita più importante della stagione (anzi, togliete pure il forse), l'attaccante che corre verso l'area, il contrasto con l'avversario e lui che cade a terra (è rigore oppure no, i pareri ovviamente sono contrastanti; per la cronaca non c'è alcun fischio, l'azione è buona e si continua), quando ecco che dagli spalti alcuni ragazzini (avranno avuto 11, 12 anni o poco più) si alzano in piedi e ripetono tra di loro: "Arbitro, sei non sei capace, siediti qui in tribuna con una coca cola, le patatin  continua... »

Il duro sfogo di Gigi Buffon dopo la partita tra la sua Juventus e il Real Madrid. Puoi essere arrabbiato, deluso, amareggiato, ma serve comunque fare attenzione alle parole.
Il terzo tempo - Gigi Buffon durante la partita tra Juve e Real (Foto internet)

“Liberi tutti”, verrebbe quasi da dire. E poi, allora, non lamentiamoci se sui campi cosiddetti minori ‘se ne sentono di ogni”. Lo fanno i ‘grandi’, i professionisti, perché non dovrebbero farlo anche i più piccoli o giovani (chiamateli come preferite)? Già, perché? Il punto è proprio questo. “Gigi, stavolta no!”.  continua... »

Strano il mondo del calcio e in modo particolare del tifo. Prima tutti a criticare la decisione di recuperare il derby di Milano mercoledì alle 18.30, poi lo stadio è pieno.
Il terzo tempo - Tifosi allo stadio (Foto internet)

Prima cosa: lamentarsi, sempre, comunque, a priori. Lo strano mondo del calcio, o meglio più precisamente del tifo. Facciamo un passo indietro. Un mese fa, il derby di Milano tra Milan e Inter rinviato (così come tutte le partite di domenica 4 marzo) per l'improvvisa scomparsa del giocatore della Fiorentina Davide Astori e qualche ora dopo, quindi, la classica domanda... quando si recupererà? Bene, ecco la data, il 4 aprile alle 18.30: eh no, apriti cielo! "Come si fa a giocare di mercoledì, per di più a pochi giorni dalle festività di Pasqua e Pasquetta?".  continua... »

La tragica scomparsa del capitano della Fiorentina, ci ha fatto capire che, al di là di come li possiamo vedere, anche i calciatori e gli atleti sono umani. Sono come noi.
IMG_2161.jpg

"Siamo tutti Davide Astori". No, non è un'esagerazione. "Siamo tutti Davide Astori", nel senso più profondo della frase. Perchè è proprio quando accadono purtroppo simili tragedie, quando un ragazzo di soli 31 anni viene strappato per sempre all'amore ed all'affetto di familiari e amici che ci rendiamo conto ancor di più di quanto anche i calciatori (ma in generale gli atleti di ogni sport e disciplina) siano umani.  continua... »

L'Europa League: per le società di calcio italiane più quotate sembra quasi più un problema che una competizione da onorare. Ben vengano le medie e piccole squadre.
Il terzo tempo - Europa League (Foto internet)

C'è coppa e coppa. C'è coppa e coppa... purtroppo (aggiungiamo noi). Perchè, si fa presto a dire "sì, però non c'è paragone. Volete mettere l'una rispetto all'altra?", però poi non lamentiamoci quando si perdono i posti per andarci o ancora peggio viene meno la credibilità con il resto d'Europa. Una coppa è sempre una coppa, invece, che sia la Champions oppure l'Europa League nell'albo dei vincitori il tuo nome rimarrebbe stampato per sempre e così anche nelle tue bacheche personali quel trofeo sarebbe lì in eterno.  continua... »

Il più delle volte se una squadra va male, il colpevole è sempre l'allenatore. E ci si dimentica che una società è fatta di tante altre persone: atleti, presidenti e dirigenti.
Il terzo tempo - Una scena del famoso film 'L'allenatore nel pallone' (Foto internet)

Dura la vita dell’allenatore. Vinci, sei un grande; perdi qualche partita… ed ecco che diventi il più scarso di tutti. “O è bianco o è nero”, mai una volta, alla fine, che ci sia la cosiddetta “via di mezzo”.  continua... »

Calciatori e tifosi o appassionati: un binomio spesso vincente, ma altre volte purtroppo critico. Se, il più delle volte, entrambi imparassero ad usare un pò di buon senso.
Il terzo tempo - Farsi un selfie (Foto internet)

“Una foto per favore”. “Un autografo”. Oppure semplicemente una stretta di mano o magari un piccolo regalo da lasciare al proprio idolo. Non sembra di chiedere troppo, perché diciamocela tutta è bello essere osannati in campo e fuori (a chi non piacerebbe), ma allo stesso tempo bisognerebbe avere almeno un minimo di rispetto per i tanti tifosi che ogni giorno, ogni settimana, ogni sabato e domenica ti seguono, ti incitano, vengono allo stadio o al ritiro solo e soltanto per farti sentire il calore, l’affetto, la presenza e per darti magari la spinta in più a migliorarti.  continua... »

Maldive, Dubai o qualsiasi altro luogo di mare e montagna: è scattata la corsa, sui giornali e in tv, alle foto e immagini dei calciatori in ferie. Ma sinceramente un bel... "chi se ne frega!".
Il terzo tempo - La serie A in vacanza (Foto internet)

Maldive, Dubai, anche le tante località di montagna o magari qualche città europea e del mondo: chi più ne ha più ne metta, ma (scusateci la volgarità) un bel… “chi se ne frega!”.  continua... »

Vuoi andare a seguire un evento sportivo (o altre iniziative), ti serve avere però il tesserino giornalistico. E chi fa questa professione da meno di 2 anni? Spesso deve stare a casa.
Il terzo tempo - Il tesserino giornalistico (Foto internet)

"Ordine se ci sei...". Stavolta tocca a noi, inteso appunto come giornalisti. Il compito di chi scrive, infatti, è quello di ricercare e seguire eventi, appuntamenti, iniziative e trasformarli poi in articoli che andranno a riempire le varie pagine dei giornali per i quali si lavoro o si collabora... bene, allora dai prepariamo tutto il necessario e andiamo. Ma dove?  continua... »