meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 18°
Lun, 18/10/2021 - 15:20

data-top

venerdì 22 ottobre 2021 | ore 05:11

Il tifo che se ne frega

L'Italia delle regole, dei divieti e dei sacrifici. Ma quando si vince uno scudetto, ecco che allora tutto viene cancellato. Folla di tifosi a Milano per festeggiare l'Inter.
Milano - Folla di tifosi interisti in piazza Duomo (Foto internet)

Il tifo che se ne frega. E non veniteci a raccontare la solita 'storiella' del "Ma dai non è tutto vero quello che ci dicono. Chi ci crede più" e ancora "Avevamo le mascherine ed eravamo all'aperto", ecc... No, almeno stavolta evitiamo simili e molte altre frasi praticamente o quasi identiche. Facciamolo per quelle persone (e sono tante) che, ormai da un anno, stanno facendo sacrifici, provando a rispettare le varie regole e misure di sicurezza imposte dall'ermegenza Covid-19. Facciamolo per chi è costretto a tenere chiusa la sua attività o, anche pur potendola aprire, hanno visto ridurre (tra limitazioni e restrizioni) e pure in maniera significativa il lavoro. Ma, come accade spesso, purtroppo sembra di nuovo che si "usino due pesi e due misure". Le scene viste a Milano ed anche in alcune piazze di altre città italiane, in occasione della vittoria del 19° scudetto dell'Inter, infatti, sono state uno 'schiaffo' ad un Paese che, dalla primavera del 2020, sta facendo i conti con la pandemia. Gente ammassata in Duomo e in alcune strade del capoluogo; tanti tifosi fianco a fianco, abbracciandosi pure, per festeggiare la loro squadra del cuore. Giovani e adulti, senza distinzione, tutti lì a gridare la grande gioia per questo traguardo che arrivava dopo 11 anni. Il tifo, appunto dicevamo, che se ne frega di tutto e di tutti...

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento