meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole discontinue
Gio, 17/01/2019 - 20:20

data-top

giovedì 17 gennaio 2019 | ore 21:11

Comunicaré

Con l'anno appena cominciato, vorrei anche io cimentarmi con dei buoni propositi per questo 2019. Tutti con lo scopo, ovviamente, di comunicare meglio (online e offline).
Comunicaré - Propositi per il nuovo anno (Foto internet)

È iniziato davvero da pochissimo il nuovo anno! E proprio oggi, prima che l’Epifania tutte le feste si porti via, vorrei anche io cimentarmi con dei buoni propositi per questo 2019. Tutti con lo scopo, ovviamente, di comunicare meglio. Sia online, sia offline.  continua... »

Il Milanese Imbruttito VS The Jackal: modi di comunicare e di arrivare alle persone attraverso filmati e immagini. Il Natale e gli auguri per queste festività.
Comunicaré - Gli auguri con un video (Foto internet)

(VIDEO) È meglio il Natale oggi o quello degli anni ‘90? È quello che si sono chiesti i The Jackal per il loro video di Natale 2018, una riflessione sul ruolo che la tecnologia ha nelle nostre vite e di come le abbia radicalmente cambiate. Non a caso, una riflessione fatta proprio attraverso uno degli strumenti simbolo della contemporaneità iperconnessa: YouTube, una sorta di televisione portatile e tascabile, che di fatto ha spinto anche la tv tradizionale a trasformarsi e a diventare on-demand. In pochissimi anni.

 continua... »

Non sai cosa fare da grande? Se proprio non vuoi diventare commercialista o ingegnere, puoi sempre intraprendere, allora, una carriera nel mondo della comunicazione!
Comunicaré - Social media specialist (Foto internet)

Non sai cosa fare da grande? Se proprio non vuoi diventare commercialista o ingegnere, puoi sempre intraprendere una carriera nel mondo della comunicazione! Ben conscio, però, che: gli orari di lavoro sono un’opinione, lo stipendio non è a chissà quanti zeri e le rotture di scatole rischiano di essere tante. Però, normalmente, si tratta di lavori divertenti che offrono l’opportunità di partecipare a eventi e manifestazioni uniche. E poi vuoi mettere la soddisfazione di sentirti dire: “Ma cosa vuoi che fatichi, tanto tu stai su Facebook tutto il giorno…”  continua... »

Perché a Natale, si sa, siamo tutti più buoni, mondo della comunicazione compreso. Soprattutto nel vicino Regno Unito. Elton John, Sainsbury’s e Twitter.
Comunicaré - John Lewis per Natale (Foto internet)

Manca esattamente un mese a Natale e la tv ci riempie già di spirito natalizio e spot pieni di buone intenzioni ed emozioni. Perché a Natale, si sa, siamo tutti più buoni, mondo della comunicazione compreso. Soprattutto nel vicino Regno Unito.  continua... »

È la notizia della settimana, è innegabile: non solo Elisa Isoardi ha scaricato come un sacco di patate il nostro vice premier Matteo Salvini, ma l’ha pure postato sui social.
Comunicaré - Salvini e Isoardi (Foto internet)

È la notizia della settimana, è innegabile: non solo Elisa Isoardi ha scaricato come un sacco di patate il nostro vice premier Matteo Salvini, ma l’ha pure postato sui social in una posa quanto meno intima, facendosi beffe di lui. Un’innamorata delusa, una delle tante di cui i social sono pieni, ma se il “lui” di turno è il capo carismatico di un movimento politico di peso, non può certo finire come in tutti gli altri casi. E si scatena la polemica.

“Umiliato” sui social? Addirittura?  continua... »

Quando sui social network si fa una brutta figura, si parla di solito di 'epic fail'. Non a caso, la brutta figura sui social diventa 'epica' perché viene amplificata.
Comunicaré - 'Epic fail' (Foto internet)

Quando sui social network si fa una brutta figura, si parla di solito di 'epic fail'. Non a caso, la brutta figura sui social diventa 'epica' perché viene amplificata e sottolineata - insomma il contrario di quello che vorrebbe (ovvero sotterrarsi e passare inosservato) il malcapitato. Oggi i nostri 'malcapitati' hanno il nome di The Ferragnez e di Uliveto.

Fedez, Ferragni e lo spreco alimentare  continua... »

Perché ci piace la pubblicità della Fiat 500 X
Rubrica ComunicarÈ - Spot fiat 500x

Le reti Mediaset hanno inaugurato nel 2013 un nuovo format pubblicitario denominato “super-spot”: alle ore 21 precise, il palinsesto si ferma (tagliando a metà frasi di conduttori e battute celebri di serie tv) per dare spazio a un minuto intero, scandito da count down, di pubblicità in contemporanea su tutte le reti del gruppo. Una grande opportunità per i brand che vogliono raccontare una storia vera e non solo dare rapidi messaggi promozionali da 20 o 30 secondi. Proprio in uno di questi spazi abbiamo visto debuttare la réclame della nuova Fiat 500 X. Proprio bella: ecco perché.  continua... »

Due grandi aperture di punti vendita fisici hanno animato le giornate dei milanesi (non solo) in queste settimane: quella di Starbucks e quella di Apple, arrivati a Milano.
Comunicaré - Starbucks e Apple a Milano (Foto internet)

Due grandi aperture di punti vendita fisici hanno animato le giornate dei milanesi in queste settimane: quella di Starbucks e quella di Apple, due brand stranieri che hanno deciso di puntare la loro comunicazione nel nostro Paese sull’apertura di due punti vendita peculiari, che promettono di offrire al cliente un’esperienza unica.

Starbucks: le code e le polemiche  continua... »

I brand sono sempre più connotati politicamente e socialmente. Le marche cercano di avvicinarsi alla gente comune e di sostenere con le cause in cui più credono.
Comunicaré - Spot pubblicitari (Foto internet)

I brand sono sempre più connotati politicamente e socialmente. Le marche cercano di avvicinarsi alla gente comune e di sostenere con il loro grande peso le cause in cui più credono. Come al Milano Pride, dove per difendere i diritti della comunità LGBT (lesbiche, gay, bisessuali, transgender) hanno sfilato anche Coca Cola e Netflix.

Chicco e la difesa della natalità  continua... »

I primi Mondiali trasmessi totalmente in chiaro. Ma avrà fatto bene Mediaset ad accaparrarsi i diritti di trasmissione del Campionato del Mondo.
Comunicaré - I Mondiali in tv (Foto internet)

Stiamo assistendo ai primi Mondiali di calcio trasmessi totalmente in chiaro, “senza abbonamenti e senza canoni”. Ma avrà fatto bene Mediaset ad accaparrarsi i diritti di trasmissione di un campionato del mondo in cui l’Italia è la grande assente? Al momento dell’annuncio dell’acquisto, nel dicembre dello scorso anno, si vociferava di un’offerta da 78 milioni di euro, contro i 65 offerti dalla Rai. Un investimento vincente o un flop?

Investimenti rientrati a una settimana dal fischio d’inizio  continua... »