meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole discontinue 12°
Lun, 22/10/2018 - 00:20

data-top

lunedì 22 ottobre 2018 | ore 01:18

Trucioli di storia

Era il 1 ottobre del ‘56 avevo 7 anni. La mia famiglia si era trasferita da pochi giorni a Cesano Maderno poiché nel paesino toscano dove abitavo non c’era più lavoro...
Rubrica Trucioli di Storia - Nonno a scuola

Era il 1 ottobre del ‘56 avevo 7 anni. La mia famiglia si era trasferita da pochi giorni a Cesano Maderno poiché nel paesino toscano dove abitavo non c’era più lavoro. Io però stavo benissimo in quel paesino tranquillo, giocavo per strada e nei boschi, con mio fratello maggiore mi divertivo a portare al pascolo le pecore, insomma avevo la libertà assoluta. Avevo frequentato il primo anno scolastico lì, in una classe di 11 bambini, una classe unica per bambini dalla prima alla quinta, in un edificio piccolissimo ma con un enorme spazio per giocare all’aperto nell’intervallo.  continua... »

Trucioli di storia - Matrimonio a sorpresa

Dopo il fidanzamento era arrivato il momento di sposarsi, bisognava decidere luogo e data. Essendo la mia fidanzata del Catenazzone di Castelletto ovvio era scegliere la chiesa di questo piccolo paese, per la data invece si decise per settembre e fin lì tutto bene.  continua... »

"Quand’ero bambina settembre significava vendemmia, ed era bellissimo. Sapevo che ci si doveva preparare per grandi fatiche ma voleva anche dire allegria"...
Generica - Vendemmia (da internet)

Quand’ero bambina settembre significava vendemmia, ed era bellissimo. Sapevo che ci si doveva preparare per grandi fatiche ma voleva anche dire allegria e tanti festeggiamenti in famiglia. Incominciavo ad eccitarmi quando vedevo il nonno e il papà che tiravano fuori i mastelli ed i tini e per qualche giorno li mettevano a mollo nell’acqua per far rigonfiare il legno che durante tutto l’anno si era rinsecchito, in seguito poi li lavavano molto bene tanto da renderli come nuovi. La nonna e la mamma invece cominciavano a fare i preparativi per il pranzo finale.  continua... »

Tempo di vacanze e come tutti gli anni in questo periodo ripenso alle mie. Erano belle con tutte le caratteristiche di quelle di oggi. E dove andavo? Al 'mar di puarit'.
Truccioli di storia - Il fiume Ticino

Tempo di vacanze e come tutti gli anni in questo periodo ripenso alle mie. Erano bellissime con tutte le caratteristiche di quelle di oggi, preparativi, lungo viaggio, meta invidiabile, spensieratezza e divertimento. E dove andavo? Al 'mar di puarit' (al mare dei poveri). Sì, non mettetevi a ridere, anche noi vecchietti avevamo il nostro mare, era il nostro caro fiume Ticino e chi ci poteva andare era davvero fortunato ed invidiato.  continua... »

"In questi giorni vedendo il Giro d’Italia spesso mi tornano alla mente le tante maglie rosa fatte nei miei primi anni di lavoro". Nonna Mariuccia, Bareggio inizio anni '50.
Sport - Una foto storica del Giro d'Italia

In questi giorni vedendo il Giro d’Italia spesso mi tornano alla mente le tante maglie rosa fatte nei miei primi anni di lavoro. Da giovane lavoravo in una fabbrica di Milano che faceva maglie in lana pregiate, mi avevano assunto perchè arrivavo da Bareggio dove c’era una forte presenza di camiciaie e nel paese tutte le ragazze andavano a scuola da loro per imparare il mestiere. Avevo quindi già l’esperienza per il lavoro che veniva richiesto.  continua... »

La vendita del dolce tipico cuggionese ha permesso l'acquisto di alimenti per il refettorio 'Non di Solo Pane'.
Cuggiono - ‘Busaéla’ che aiuta  2018

Sono ‘Trucioli di Storia’ molto preziosi... perchè custodiscono il nostro passato, le nostre tradizioni, i nostri ricordi. Lo sanno bene alla nuova e affascinante collezione cuggionese che da qualche mese ha iniziato ad ‘ascoltare’ gli anziani, i nonni, le persone che hanno visto e vissuto epoche in cui non ci contattava via whastapp, ma sedendo in strada chiaccherando con i vicini. Se alla ‘Fiera di San Martino’ di Inveruno avevano fatto la loro comparsa ufficiale, alla ‘Fiera di Primavera’ cuggionese hanno speriementato un gradito ritorno.  continua... »