meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 19°
Gio, 22/04/2021 - 18:20

data-top

giovedì 22 aprile 2021 | ore 19:06
Legale
Sospensione della patente notificata oltre novanta giorni: la patente va restituita
Consulente Legale - Logo studio Guffanti

Il provvedimento di sospensione della patente di guida, nelle ipotesi di gravi violazioni del codice della strada, deve essere notificato in un termine ragionevole e, in particolare, non oltre i tempi massimi stabiliti dalla legge.
Nel caso sottoposto all’esame del Giudice di Pace di Bisceglie il ricorrente, a cui era stato notificata un’ordinanza di sospensione della patente di guida emessa a seguito di esecuzione di sentenza divenuta irrevocabile, lamentava l’illegittimità dell’ordinanza impugnata.  continua... »

Legittime le ferie imposte dalle RSA agli operatori che hanno rifiutato il vaccino
Consulente Legale - Logo studio Guffanti

Giusto sospendere dal servizio l’operatore sanitario che non vuole vaccinarsi, in quanto, svolge un’attività delicata ed a contatto con il pubblico. Il datore di lavoro è tenuto, infatti, a tutelare l’integrità fisica dei propri dipendenti. Via libera, dunque, alle ferie forzate, essendo prevalente l’interesse dell’azienda. Questo è quanto emerge dall’Ordinanza n. 12, emessa dal Tribunale di Belluno – Sezione Lavoro, in data 19 marzo 2021.  continua... »

Risarcisce l’ex coniuge il genitore che versa l’assegno di mantenimento parziale.
Consulente Legale - Logo studio Guffanti

Secondo quanto disposto da una recentissima pronuncia della Corte di Cassazione, sezione penale, il genitore che per un prolungato e reiterato periodo di tempo versa ai figli un mantenimento solo parziale, in spregio alle disposizioni del Giudice civile circa la quantificazione di detto assegno, è tenuto a risarcire l’ex coniuge affidatario che ha diritto al ristoro del danno morale. La Corte di cassazione, difatti, con la Sentenza n. 4677 dello scorso 5 febbraio - respingendo il ricorso di un uomo condannato per il reato di cui all’articolo 570 bis c.p.  continua... »

Emergenza sanitaria: no allo sfratto del conduttore moroso per le locazioni ad uso non abitativo
Consulente Legale - Logo studio Guffanti

Com’è noto la pandemia da Covid-19 ha causato, soprattutto nel periodo del lockdown, il fermo di diverse tipologie di attività, molte delle quali esercitate presso immobili condotti in locazione.
In questi mesi si è assistito, di conseguenza, al verificarsi di situazioni di difficoltà economica tali da rendere più difficile, se non addirittura impossibile, per molti, poter onorare i propri debiti.  continua... »

Paletti di ferro a protezione dei garage: non è necessario il “permesso di costruire”
Consulente Legale - Logo studio Guffanti

Non devono essere rimossi i paletti di ferro legati dalla catena che il condominio ha messo a protezione dei garage: per realizzare l’intervento, infatti, non serve il permesso di costruire ma basta la Scia. È quanto emerge dall’ordinanza n. 298/21, pubblicata dalla seconda sezione di Salerno del TAR Campania.

Il Tribunale Regionale ha accolto il ricorso del condominio contro l’ordinanza del Comune che aveva ingiunto di abbattere i paletti infissi al suolo senza calcestruzzo.  continua... »

Il proprietario di due appartamenti accorpati ha diritto ad altrettanti spazi per il parcheggio.
Consulente Legale - Logo studio Guffanti

È principio noto quello per cui l’assegnazione dei posti auto in Condominio costituisce una manifestazione del potere di regolamentazione dell’uso della cosa comune proprio dell’assemblea. Così, se il parcheggio condominiale lo consente, l’assemblea – in assenza di apposito regolamento - può deliberare di assegnare un posto auto per ogni singolo Condomino.

In via generale la delibera assembleare non può attribuire ai Condomini con più millesimi due o più posti auto in quanto a ciascuno deve essere consentito l’uso paritario della cosa comune.  continua... »

Il cambio di “status” su Facebook può determinare l’addebito della separazione?
Consulente Legale - Logo studio Guffanti

Nei procedimenti di separazione giudiziale, il più delle volte il Giudice è chiamato a pronunciarsi sulla responsabilità di uno dei due coniugi. Frequenti infatti sono i casi in cui la fine del matrimonio sia causata dal comportamento di uno solo dei due consorti. L’addebito della separazione comporta conseguenze rilevanti, sia per quanto riguarda la condanna alle spese, sia per il rischio di perdita dell’assegno di mantenimento e dei diritti successori.  continua... »

Illegittima la multa per eccesso di velocità rilevata mediante velox mobile non segnalato.
Consulente Legale - Logo studio Guffanti

Illegittima la multa per eccesso di velocità rilevata mediante velox mobile non segnalato
È possibile presentare ricorso avverso un verbale di accertamento di infrazione al codice della strada per superamento del limite di velocità, accertato mediante sistema di velox mobile non opportunamente segnalato: il verbale di accertamento dell’infrazione stradale dovrà essere annullato e, con esso, anche la multa e il taglio dei punti dovranno essere dichiarati illegittimi.  continua... »

L’interesse morale del figlio non è motivo valido per chiedere la riduzione dell’assegno
Consulente Legale - Logo studio Guffanti

La Corte di Cassazione, con l’Ordinanza n. 2020 del 28 gennaio 2021, si è, nuovamente, occupata dell’assegno di mantenimento in favore dei figli maggiorenni, non economicamente indipendenti.
Prima di analizzare il suddetto Provvedimento, è bene fare chiarezza sul concetto di assegno di mantenimento.  continua... »

Il Sindaco non può vietare l’ingresso dei cani nei giardini e nei parchi pubblici - per tutelare l’igiene pubblica è sufficiente che gli accompagnatori abbiano sacchetto e paletta.
Consulente Legale - Logo studio Guffanti

Con la sentenza 21/2021 il Tar Umbria ha ribadito, confermando l’orientamento pacifico in giurisprudenza, che l’ordinanza sindacale che rechi il divieto assoluto di introdurre cani, anche se custoditi, nelle aree destinate a verde pubblico risulta essere eccessivamente limitativa della libertà di circolazione delle persone ed è comunque sproporzionata rispetto al dichiarato fine di mantenere il decoro e l’igiene pubblica.  continua... »