meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 16°
Lun, 17/06/2019 - 04:50

data-top

lunedì 17 giugno 2019 | ore 05:07

Di nuovo in divisa per un film

Il maresciallo in congedo, Francesco Falzone, per anni comandante della stazione Carabinieri di Castano, tra i protagonisti del film 'Tutto l'Oro che c'è' di Andrea Caccia.
Castano - Il maresciallo in congedo Francesco Falzone

La location è quella tra la Lombardia ed il Piemonte, là dove scorre il fiume Ticino. Cinque storie, cinque percorsi che si intrecciano senza mai incrociarsi, cinque personaggi: c’è un cercatore d’oro, quindi un ragazzino, un naturista, un cacciatore e poi c’è lui, che è un carabiniere. Beh… lui è certamente un volto conosciuto a Castano Primo e nel territorio, prima comandante della locale caserma dell’Arma (era la fine degli anni ‘90 e l’inizio del 2000), poi assessore (dal 2009 al 2013) nella squadra di governo dell’allora sindaco Franco Rudoni, e oggi anche ‘attore per un giorno’, o meglio per qualche settimana, in un film documentario. Si chiama ‘Tutto l’Oro che c’è’, per la regia di Andrea Caccia (produttori Dugong films, Rough cat e Picofilms; e che sarà presentato questo fine settimana all’International Film Festival Rotterdam), e tra i protagonisti c’è, appunto, il maresciallo castanese in congedo Francesco Falzone. “E’ stata una bellissima esperienza – racconta – Le riprese a cui ho preso parte sono durate all’incirca un mese, durante le quali ho avuto modo di scoprire e rapportarmi con un mondo totalmente nuovo. Ho avuto a fianco, inoltre, un gruppo Castano - Falzone durante le riprese davvero eccezionale, dal regista Andrea Caccia a tutta la squadra; si è creato un ottimo rapporto professionale e di collaborazione, sotto ogni punto di vista”. Quattordici anni dopo il suo congedo ufficiale dall’Arma dei Carabinieri, insomma, Falzone è tornato ad indossare di nuovo la divisa. “Mi è bastato tirarla fuori dall’armadio, dove la custodisco, e metterla che è come se fossi tornati indietro a quel dicembre del 2002, l’ultima volta che l’ho vestita prima di lasciare ed intraprendere una strada lavorativa differente – continua – Ma, in fondo, è come se non l’avessi mai levata. La testa ed i ricordi, inevitabilmente, sono andati agli anni da carabiniere e proprio il fatto di esserlo stato per anni ed anni, dopotutto, è stato fondamentale per il ruolo che stavo andando ad interpretare. Non c’è stato bisogno, infatti, di particolari indicazioni, perché dovevo fare quello che sono sempre stato nella mia vita normale, nella realtà”. Il passato che ritorna, insomma, verrebbe quasi da dire, anche se stavolta davanti alla cinepresa. “Il mio ruolo è stato proprio quello di un maresciallo dell’Arma – conclude – Mi sono mosso in vari luoghi, immersi nella natura all’interno del Parco del Ticino (da Somma Lombardo, passando per Vergiate, fino ad arrivare a Santa Maria in Binda a Nosate oppure alla zona attorno al Panperduto, solo per citarne alcuni), per investigare ed indagare su un episodio appena accaduto ed avvolto nel mistero. Alla fine, devo ammettere che l’imbarazzo non c’è stato, nonostante sapessi di essere filmato, più che altro era emozione (quella sì), per l’esperienza che stavo provando e che mi ha riportato alla menta tante immagini del mio passato professionale”.

Invia nuovo commento