meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno
Mar, 07/12/2021 - 20:50

data-top

martedì 07 dicembre 2021 | ore 20:16

Municipio in rosso contro le violenze

Prima vi era un vestito di luce verde per ricordare la dignità dei bambini e l'importanza di promuoverla e salvaguardarla. Ora quel verde ha lasciato spazio al rosso per richiamare all'importanza di contrastare ogni forma di violenza sulle donne.
Sociale - Giornata contro la violenza sulle donne (Foto internet)

Prima vi era un vestito di luce verde per ricordare la dignità dei bambini e l'importanza di promuoverla e salvaguardarla. Ora quel verde ha lasciato spazio al rosso per richiamare all'importanza di contrastare ogni forma di violenza sulle donne. La facciata del Comune di Canegrate si carica di una diversa, ma non meno intensa illuminazione sociale. E così resterà fino a domenica 29 novembre. "Il rosso - spiegano - richiama il colore del sangue versato, secondo dati Istat sono quasi sette milioni, il 31,5 per cento della popolazione femminile tra i 16 e i 70 anni, le donne che nell'arco di una vita subiscono violenza fisica e sessuale. A metà novembre, secondo il Ministero dell'Interno, erano già novantasei i femminicidi compiuti quest'anno, per tante donne la convivenza forzata imposta dal lockdown si è tradotta in una lenta e distruttiva tortura". Ecco perché chiudere gli occhi sul fenomeno o anche soltanto minimizzarlo, fa intendere il Comune, sarebbe delittuoso e significherebbe anche un'offesa fatta non solo alla donna in quanto tale ma come vertice della generazione del mondo per il fatto di custodire nel suo amorevole grembo i figli. Rosso sulla facciata dell'edificio di via Manzoni, quindi, ma anche sulla panchina che, installata il 24 novembre dello scorso anno, vi si trova di fronte. Una presenza che simboleggia "Il posto occupato da una donna che non c'è più, memoria di tante che non sono riuscite a sfuggire dai loro carnefici". Al tema della violenza sulle donne è stato dedicato anche un incontro organizzato da 'Tavolo antiviolenza' e 'Filo Rosa Auser' dal titolo 'Violenza domestica e lockdown', che si è rivolto a volontari e associazioni canegratesi proponendo "Storie di convivenza senza via di scampo con il persecutore, violenze domestiche spesso subite davanti ai figli". Insomma, illuminare occhi, mente e cuore sul tema costituisce un preciso imperativo cui si deve richiamare ogni uomo che intenda meritarsi di chiamarsi davvero uomo. Nella consapevolezza del fatto che un uomo aggressivo o violento verso una donna finisce solo per denunciare a se stesso la sua miseria e povertà.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento