meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Alcune nuvole 32°
Lun, 10/08/2020 - 13:20

data-top

lunedì 10 agosto 2020 | ore 14:07

Gli Oratori ‘illuminano’ il loro 2020

Un flash mob sul sagrato del Duomo con 700 persone per illuminare con le luci dei cellulari la scritta ‘Oratorio 2020’ e rendere grazie del dono dell’oratorio.
Milano - Oratorio 2020 fuori dal Duomo

Un percorso impegnativo ed entusiasmante che promuove il protagonismo di chi ha a cuore l’oratorio: è da due anni che i 1000 oratori ambrosiani sono impegnati con ‘Oratorio 2020’ per capire ‘Quali oratori per fare oratorio’ desideriamo “progettare” per il futuro dei nostri ragazzi. La S. Messa per gli oratori, venerdì 31 gennaio, nella memoria liturgica di San Giovanni Bosco, nel Duomo di Milano, presieduta dall’Arcivescovo Mario Delpini e concelebrata da 200 preti che operano negli oratori ambrosiani, è stata l’apice di questo percorso, che vede anche le nostre comunità coinvolte, in questi mesi, per la stesura dei progetti educativi, che saranno consegnati all’Arcivescovo in una grande festa conclusiva nel mese di ottobre. Erano in tantissimi (oltre 6000), venerdì 31 gennaio, a riempire il Duomo: ragazzi di tutte le fasce d’età, famiglie, educatori, catechisti, volontari, allenatori, dirigenti delle società sportive, religiose, consacrati. “L’oratorio è una delle forme geniali che la comunità cristiana ha creato per accompagnare le giovani generazioni perché imparino a percorrere la via della vita” - ha sottolineato l’Arcivescovo nell’omelia. Al termine, flash mob sul sagrato del Duomo con 700 persone (tra cui l’Arcivescovo, il sindaco di Milano Beppe Sala, assessori comunali e regionali) per illuminare con le luci dei cellulari la scritta ‘Oratorio 2020’ e rendere grazie del dono dell’oratorio, strumento educativo della comunità cristiana.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento