meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole sparse 29°
Mer, 06/07/2022 - 11:20

data-top

mercoledì 06 luglio 2022 | ore 11:34

Archeologia: due arresti

Due persone sono finite ai domiciliari a Magnago e Castano Primo. È il primo bilancio dell’operazione “Achei” dei Carabinieri del Comando Tutela patrimonio culturale.
Generica - Beni archeologici (da internet)

Smistavano e rivendevano reperti archeologici per un giro d'affari di milioni di euro. Due persone in carcere, tantissimi agli arresti domiciliari.
È il primo bilancio dell’operazione “Achei” dei Carabinieri del Comando Tutela patrimonio culturale, coordinata dalla Procura della Repubblica di Crotone, che ha scoperchato un giro di scavi archeologici clandestini con relativa esportazione di beni archeologici (che per Legge appartengono allo Stato) all’estero.
La holding criminale era estesa al Regno Unito, alla Germania, alla Francia e alla Serbia. Le indagini, avviate nel 2017, hanno permesso così di recuperare numerosi reperti archeologici per un valore di diversi milioni di euro. Complessivamente sono 123 le persone indagate, 80 sono state perquisite. Molti degli arrestati sono residenti in provincia di Crotone e in particolare a Cirò Marina (dove si trova uno dei siti archeologici depredati). Due persone invece sono finite ai domiciliari a Magnago e Castano Primo.
Gli indagati sono accusati di danneggiamento del patrimonio archeologico dello Stato, impossessamento illecito di beni culturali appartenenti allo Stato, ricettazione ed esportazione illecita. Sono state eseguite perquisizioni in diverse località italiane (Crotone, Bari, Benenvento, Bolzano, Caserta, Catania, Catanzaro, Cosenza, Ferrara, Frosinone, Latina, Matera, Milano, Perugia, Potenza, Ravenna, Reggio Calabria, Roma, Siena, Terni e Viterbo) e in quattro stati europei (Francia, Germania, Inghilterra e Serbia).
«Grazie a sofisticate tecniche investigative e alla collaborazione di Europol e delle forze di polizia estere competenti, in Italia, Francia, Regno Unito, Germania e Serbia, il Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale ha condotto a termine con successo una vasta operazione di contrasto al traffico illecito di reperti archeologici dalla Calabria al Nord Italia e verso l’estero recuperando migliaia di beni e sequestrando materiali utilizzati per gli scavi clandestini» ha commentato il ministro dei Beni Culturali, Dario Franceschini. «Un’operazione che dimostra ancora una volta l’eccellenza del Comando dei carabinieri che opera dal 1969 a difesa del patrimonio culturale italiano». «A loro, alla Procura di Crotone che ha diretto le indagini, e a tutti i soggetti che vi hanno partecipato – ha aggiunto il ministro – va il plauso del governo italiano».

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La gratuità del servizio è possibile grazie agli investitori pubblicitari che si affidano alla nostra testata. Se vuoi comunque lasciare un tuo prezioso contributo scrivi ad amministrazione [at] comunicarefuturo [dot] com
Grazie!

Invia nuovo commento