meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole discontinue
Sab, 17/11/2018 - 09:50

data-top

sabato 17 novembre 2018 | ore 10:14

La navetta per gli eventi

Un servizio molto apprezzato e sfruttato fin dal primo ‘esperimento’ di due anni fa. Torna, anche per l’edizione 2018 della ‘Fiera di San Martino’, la navetta.
Inveruno - La mappa del servizio navetta

Un servizio molto apprezzato e sfruttato fin dal primo ‘esperimento’ di due anni fa. Torna, anche per l’edizione 2018 della ‘Fiera di San Martino’, la navetta promossa dall’Amministrazione comunale per cercare di agevolare gli spostamenti dei cittadini all’interno del paese, nel corso degli appuntamenti dei tre giorni di Fiera. Nei tre giorni di rassegna, infatti, dalle 9.30 fino alle 20, così da permettere la conclusione dei convegni a Furato, due mezzi dell’ATS trasporti garantiranno gli spostamenti anche a chi cerca parcheggio nelle aree esterne del paese. I luoghi scelti per le fermate sono, allora, i seguenti: scuola ‘Don Milani’, via Palestro 111 (Pad. Villoresi) e Viale Piemonte. Entrando maggiormemente nello specifico, i luoghi degli eventi: Sala Virga (Biblioteca), piazza Don Rino Villa (Sede Apai), Largo Pertini, Piazza San Martino, Area Viale Piemonte, Area via Manzoni (Liguria), Padiglione Villoresi e Cascina Monella. Grazie a questo comodo servizio, si potrà così meglio organizzare il proprio tour presso la fiera inverunese, magari andando a scoprire anche le aree espositive esterne e meno facilmente raggiungibili. Il servizio, quindi, permetterà a tutti di poter partecipare alle numerose iniziative promosse, cercando di limitare i disagi nei parcheggi nei pressi delle aree espositive, che tradizionalmente vedono un grande afflusso di visitatori anche dai paesi vicini. Il successo della ‘Fiera’, infatti, è anche la grande capacità di aggregazione di cittadini e agricoltori da tutta la provincia e dall’intera Regione, per riscoprire la bellezza delle nostre tradizioni e far conoscere il mondo animale ai bambini. Una ‘tre giorni’ molto ricca di proposte, che sarebbe un peccato non riuscire a vivere appieno.

Invia nuovo commento