meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole discontinue
Mer, 01/12/2021 - 11:20

data-top

mercoledì 01 dicembre 2021 | ore 11:14

Sant'Antonio: benedizioni e falò

In molti nostri paesi si è rinnovata l’antica tradizione dei roghi con momenti di festa e condivisione.
Territorio - Falò di Sant'Antonio 2018.01

Patrono dei contadini e protettore degli animali domestici, nella tradizione popolare il santo è considerato anche patrono del focolare poiché capace di sottomettere fiamme e demoni ed è inoltre ritenuto in grado di guarire dolorosi herpes come ‘il fuoco di Sant’Antonio’. Secondo la leggenda, il porcello, come spesso viene raffigurato, l’avrebbe aiutato a rubare il fuoco dagli inferi per donarlo al popolo. Nel nostro territorio, in tutto l’ovest milanese, il 17 gennaio viene bruciata la catasta di legna a rappresentare tutto ciò che vogliamo dimenticare dell’anno passato ed è simbolicamente pronto a rinascere. Anche quest’anno la tradizione si è rinnovata tra benedizione degli animali (come ad Arconate e all’oratorio di Cuggiono), ma anche con simboliche raffigurazioni allestite per momenti di festa: Boffalora, Bernate, Casate, Arconate, Castelletto... tanti i falò che hanno coinvolto moltissime famiglie per un momento di festa: vin brulè, cioccolata, panettone, chiacchere, tante gustose prelibatezze hanno accompagnato il momento folkloristico accanto ai falò. Piccoli roghi, magari realizzati da privati e agricoltori, hanno iniziato ad innalzarsi già nel tardo pomeriggio, trasformando il 17 gennaio in un ‘ritorno al passato’. Tra i molti falò, decisamente suggestivo quello della frazione cuggionese, con il rogo alla statua di Re ‘porcello’, simbolo degli sprechi che spesso vengono perpetrati a danno della povera gente.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Rispondi