meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo coperto 11°
Sab, 02/03/2024 - 16:20

data-top

sabato 02 marzo 2024 | ore 16:42

'Un albero per la salute'

Mercoledi mattina presso l’ospedale di Legnano ha preso avvio il progetto ‘Un albero per la salute’ proposto da Fadoi e dal Raggruppamento Biodiversità dell’Arma dei carabinieri.
Legnano_un albero per la salute

Mercoledi mattina presso l’ospedale di Legnano ha preso avvio il progetto ‘Un albero per la salute’ proposto da Fadoi e dal Raggruppamento Biodiversità dell’Arma dei carabinieri. L'iniziativa prevede la messa a dimora di giovani piante in 30 ospedali italiani, ed è volta a promuovere la difesa costante dell'ambiente, la salvaguardia del territorio e per sensibilizzare la cittadinanza a una maggiore consapevolezza che la salute e l’ecosistema sono indissolubilmente legate tra loro. Questo esemplare di quercia vuole essere un simbolo importante, una testimonianza. - ha spiegato Antonino Mazzone, direttore dell’Area Medica dell’Asst Ovest Milanese nonché componente del direttivo Fadoi - Non possiamo curare i malati se non curiamo l’ambiente. Oggi le malattie respiratorie sono in netta crescita e questo è dovuto all’inquinamento e alle polveri sottili. Gli alberi sono nostri alleati e dobbiamo averne cura e preservarli. Con questo progetto nazionale vogliamo dare un messaggio di prevenzione spiegando che l’ambiente e la natura sono strettamente correlati al nostro benessere” La parola è passata poi al Tenente Colonnello Massimo Celati del Reparto Carabinieri biodiversità di Cecina: “Questa fra tutte le piante di farnia che coltiviamo, è la più fortunata. Negli anni a venire sarà il simbolo della tutela dell’ambiente urbano. Crescendo darà il suo piccolo contributo significativo al contrasto delle isole di calore e all’a bbattimento dell’anidride carbonica e migliorerà la qualità dell’ambiente che la circonda”.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La gratuità del servizio è possibile grazie agli investitori pubblicitari che si affidano alla nostra testata. Se vuoi comunque lasciare un tuo prezioso contributo scrivi ad amministrazione [at] comunicarefuturo [dot] com
Grazie!

Invia nuovo commento