meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole discontinue
Lun, 05/12/2022 - 14:50

data-top

lunedì 05 dicembre 2022 | ore 15:42

Il ricordo di Re Cecconi

Era il 18 gennaio 1977: quel giorno se ne andò per sempre Luciano Re Cecconi, nervianese 'doc' e centrocampista della Lazio. In paese, però, il suo ricordo è sempre vivo.
Sport - Luciano Re Cecconi (Foto internet)

Era il 18 gennaio 1977. Quel giorno il centrocampista della Lazio Luciano Re Cecconi, nervianese doc e giovane calciatore di belle speranze e con uno scudetto già cucito sulla maglia con i colori biancazzurri nel 1973-74, entrò in una gioielleria con l'intenzione di simulare scherzosamente una rapina e finì con il pagare con la vita a soli ventinove anni. L'ex giocatore, oltreché della Lazio, anche di Pro Patria e Foggia uscì quindi tragicamente di scena. E la sua eredità calcistica fu di 36 presenze con la Pro Patria, 74 con il Foggia e 109 con la Lazio irrobustite da sei reti e due presenze con la nazionale azzurra. L'ex sindaco Massimo Cozzi, come ogni anno, ha scelto di riservargli un commosso ricordo non soltanto rendendogli omaggio con le parole, ma anche esponendo l'immagine di una gigantesca bandiera "Che sventola all'Olimpico in curva nord in ogni partita della Lazio". Un re di Roma che troppo presto ha abdicato alla vita e non aveva dimenticato la sua Nerviano. Che, dopo quarantacinque anni dalla scomparsa, lo porta sempre in un angolo di cuore.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La gratuità del servizio è possibile grazie agli investitori pubblicitari che si affidano alla nostra testata. Se vuoi comunque lasciare un tuo prezioso contributo scrivi ad amministrazione [at] comunicarefuturo [dot] com
Grazie!

Invia nuovo commento