meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 22°
Lun, 23/05/2022 - 21:50

data-top

lunedì 23 maggio 2022 | ore 22:57

Gocce di vita...

Un'iniziativa di solidarietà che il comune di Villa Cortese, con le associazioni, ha lanciato al fine di raccogliere fondi per l'acquisto di duemila litri di latte in polvere da destinare all'ospedale di Mutoy.
Villa Cortese - Un aiuto a Mutoy (foto internet)

Il progetto era stato già messo in campo nel 2019. Poi, a causa dell'emergenza pandemica, aveva dovuto subire una battuta d'arresto. Adesso riprende fiato. E il suo nome dice già molto: "Polvere di latte - gocce di vita". Si tratta di un'iniziativa di solidarietà che il comune di Villa Cortese con le associazioni ha lanciato al fine di raccogliere fondi per l'acquisto di duemila litri di latte in polvere da destinare all'ospedale di Mutoy e al centro di accoglienza di Nkuba, in Burundi, dove operava come missionaria la sua concittadina suor Giulia Gazzardi. Il progetto è gestito in loco dal Vispe e, precisa il comune, "la quantità prevista equivale al consumo annuale delle strutture, perchè il latte in polvere, insieme ad altri alimenti, contribuisce al recupero nutrizionale dei bambini ospitati presso i centri". Il costo del progetto ammonta a 7700 Euro dei quali a oggi, durante questi primi giorni di festività natalizie, il cuore di Villa Cortese già emerso in altre occasioni ne ha messi già a disposizione 3.500, quasi la metà. "L'ospedale di Mutoy - spiega il comune - è dotato di 360 posti letto , senza contare quelli in cui sono ospitate le mamme dei neonati ricoverati in neonatologia, in alcuni periodi dell'anno si aggiungono in più delle brande per non respingere pazienti per mancanza di posti letto". Il centro di accoglienza di Nkuba si rivolge invece a donne anziane che vivono in solitudine e in situazione di bisogno e, "durante gli anni della guerra- spiega ancora il comune - ha accolto migliaia di bambini orfani, malnutriti, bisognosi di riabilitazione e ancora oggi è punto di riferimento per gli ospedali e i centri sanitari che inviano a Nkuba i casi più bisognosi affinchè possano essere seguiti e accuditi per poi ritornare nelle rispettive famiglie". Per poter raccogliere i fondi il comune ha messo anche a disposizione anche un Iban ovvero It29 M 08404 34110 000000 203910.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La gratuità del servizio è possibile grazie agli investitori pubblicitari che si affidano alla nostra testata. Se vuoi comunque lasciare un tuo prezioso contributo scrivi ad amministrazione [at] comunicarefuturo [dot] com
Grazie!

Invia nuovo commento