meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Alcune nuvole 19°
Lun, 27/09/2021 - 11:20

data-top

lunedì 27 settembre 2021 | ore 11:55

Borghetti nell'ex cava

Si è fatto un giro assieme al sindaco di Busto Garolfo Susanna Biondi, con l'obiettivo di farsi un'idea precisa della situazione. Carlo Borghetti, consigliere regionale del PD, ha voluto andare direttamente sul campo per constatare quale sia la situazione dell'area del Parco del Roccolo situata ai confini tra Casorezzo e Busto Garolfo interessata dal progetto di realizzazione di una discarica per rifiuti speciali.
Territorio - Manifestazione anti-discarica (Foto internet)

Si è fatto un giro assieme al sindaco di Busto Garolfo Susanna Biondi, con l'obiettivo di farsi un'idea precisa della situazione. Carlo Borghetti, consigliere regionale del PD, ha voluto andare direttamente sul campo per constatare quale sia la situazione dell'area del Parco del Roccolo situata ai confini tra Casorezzo e Busto Garolfo interessata dal progetto di realizzazione di una discarica per rifiuti speciali. E ha affidato ad un post le impressioni che ne ha tratto: "Ho visto - scrive - che, nonostante un ricorso dei Comuni pendente al Tar (che, l'altro giorno, si è riservato di esprimere una valutazione approfondita sulla base della documentazione presentata, ndr) che contesta la congruità del progetto sono iniziati i lavori per trasformare la ex cava in discarica". E, per esprimere quella che è la sua idea, allega due foto in cui illustra il prima e il dopo dell'assetto dell'area in questione. "A giugno - prosegue - era piena di verde rigoglioso naturale, oggi è quasi pronta per ricevere rifiuti a cielo aperto". Borghetti esprime disappunto per il fatto che "Sia stato fermato" il progetto da lui presentato in Regione sottoforma di proposta di legge "Per tutelare dalle discariche i parchi locali". E prosegue, chiamando in causa anche altre realtà istituzionali: "Città Metropolitana - conclude - non ha trovato modo di fermare questo progetto". E si pone una domanda finale: "Perchè lavori così invasivi proseguono nonostante sia atteso a brevissimo l'esito del ricorso pendente al Tar?"

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento