meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole sparse 11°
Lun, 03/05/2021 - 06:50

data-top

domenica 09 maggio 2021 | ore 03:55

Il silenzio tra le vetrine

'Zona arancione' e negozi (non essenziali) chiusi nei centri commerciali. Vicolungo, in Piemonte, ma pochi chilometri dal nostro territorio: immagini davvero insolite.
Inchieste - Vicolungo durante la 'zona arancione' (Foto Eliuz Photography)

Il primo colpo d'occhio, inevitabilmente, va sui parcheggi: niente auto, nessuno sul piazzale, non il classico via vai di persone, insomma. Poi più avanti, lungo i diversi viali che girano tutti attorno, un silenzio quasi irreale; i negozi chiusi, le luci spenti, le serrande abbassate, perché quello non è uno dei soliti e normali weekend. No, c'è l'emergenza Covid-19 e sono in 'zona arancione'. Non si può stare aperti, o almeno non possono farlo (secondo le varie disposizioni dei Dpcm), appunto nei festivi e prefestivi, le attività (non necessarie e non fondamentali) che si trovano nei centri commerciali. E Vicolungo, la in terra piemontese, ma, comunque, a pochi chilometri dal nostro territorio (meta di shopping per molti cittadini anche del Castanese e più in generale dell'Alto Milanese), alla fine, rientra proprio tra questi. Ecco, allora, che ci siamo andati. Un semplice giro per provare a raccontare da vicino la situazione. Qualche istante camminando per le stradine che passano accanto agli esercizi commerciali e subito, come detto, l'immagine che ci si presenta di fronte è davvero insolita. L'area, infatti, è completamente deserta, i negozi serrati, le luci, qualcune accese giusto per far vedere la merce e i prodotti esposti, qualcun'altra, invece, abbassata o spenta del tutto e le uniche persone che abbiamo incontrato sono state alcuni addetti delle pulizie o operai intenti in qualche lavoro di sistemazione e riparazione. (Foto e video Eliuz Photography)

ZONA ARANCIONE: NEGOZI CHIUSI E ATTORNO IL VUOTO

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento