meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno
Mar, 07/12/2021 - 19:50

data-top

martedì 07 dicembre 2021 | ore 19:10

La pizza... non tramonta mai

2020, anno di grandissimi stravolgimenti, soprattutto nel mondo della ristorazione e della gastronomia. Ma se c'è un punto di riferimento che è rimasto fermo, quello è la pizza.
Cucina - Pizza (Foto internet)

2020, anno di grandissimi stravolgimenti, soprattutto nel mondo della ristorazione e della gastronomia. Ma se c'è un punto di riferimento che è rimasto fermo nella nostra vita, quello è la pizza. Che sì, ha dovuto un po' adattarsi al cambiamento, per adeguarsi alle esigenze e ai gusti dei consumatori, sempre più attenti alla qualità degli ingredienti, agli impasti selezionati e all’esperienza stessa dell’assaggio, ma è rimasta sempre sulla cresta dell'onda delle preferenze alimentari degli italiani, rilanciando anche la pratica del farla in casa (ricordate quando questa primavera non si trovava più lievito né farina al supermercato?).
In occasione della giornata mondiale della pizza italiana - celebrata in tutto il mondo il 17 gennaio - Deliveristo, il marketplace digitale B2B dedicato alla ristorazione che mette in contatto ristoratori e chef con i produttori, ha condotto un’analisi sui comportamenti di consumatori e produttori in Italia e ha raccolto i principali trend emersi nel 2020 che promettono di reinventare il concetto di pizza tradizionale. Ve li sveliamo qui di seguito.

La pizza a portafoglio conquista l’asporto
Comoda da mangiare, anche mentre si cammina: la pizza a portafoglio è una vera e propria icona dello street food di Napoli. Ma ora, che con le restrizioni dettate dall’emergenza sanitaria l’asporto è una delle modalità con cui poter gustare la pizza in sicurezza, la pizza a portafoglio sta conquistando anche il resto d’Italia. All’esperienza classica si affiancano modalità originali, come quella proposta da Uagliò, pizzeria di Torino famosa per la sua offerta di stampo partenopeo, con la sua pizza a portafoglio da gustare camminando, sia in versione dolce che salata.
L’ascesa del delivery: le 'hotbox'
Nel 2020 il food delivery ha rappresentato un servizio essenziale: ristoranti, locali e pizzerie chiusi al pubblico hanno potuto in questo modo arrivare sulle tavole degli italiani. La pizza si è confermata la regina del delivery, piazzandosi al primo posto nella classifica delle cucine più ordinate secondo l’osservatorio di Just Eat. Non a caso, sempre più pizzerie si stanno attrezzando per il delivery, anche scegliendo box e soluzioni innovative: da quelle che propongono la formula “fai da te”, fornendo gli ingredienti per assemblare la pizza direttamente a casa, a quelle che garantiscono che la pizza venga consegnata sempre calda e fragrante. In questo senso, tra le ultime tendenze c’è Hotbox, il forno professionale che consente alle pizzerie di portare a casa dei clienti cibo caldo e sicuro: per esempio, la milanese 85 pizza è in grado di consegnare le sue pizze sempre a 85°, rendendo unico il momento dell’assaggio.
Ingredienti Presidio Slow Food: l’attenzione alle materie prime
Dalla scelta delle farine, alla mozzarella, passando per le verdure, l'italianità della pizza raggiunge il suo apice nell’utilizzo di ingredienti selezionati, di altissima qualità, appartenenti al Presidio Slow Food. Il provolone fiaschetto affumicato presidio Slow Food, il pomodoro San Marzano D.O.P., la granella di pistacchio di Bronte, la nduja di Spilinga affumicata sono solo alcuni degli ingredienti utilizzati nella preparazione delle pizze.
L’evoluzione della pizza gourmet: gli chef incontrano la pizza
Da piatto semplice e popolare ad alternativa sempre più ricercata e di alta cucina: il concetto della pizza gourmet sta attraversando una fase fortemente innovativa. Così anche lo chef Andrea Provenzani, del ristorante “il liberty” di Milano, ha inserito la pizza nel suo menu: una contaminazione tra alta cucina e arte pizzaiola che non può che far felici gli amanti della buona tavola.
Dalla scelta delle farine alla lievitazione: la valorizzazione dell’impasto
La qualità della pizza non si riconosce solo dalla qualità degli ingredienti utilizzati, ma anche dal tipo di impasto che sta acquistando sempre più centralità nella percezione del consumatore. Oltre all’attenzione nella scelta di farine ricercate e alternative - come quella di farro, di kamut o alla curcuma - anche il processo della lievitazione ha acquisito la sua rilevanza, dando vita a impasti ulteriori rispetto a quello classico napoletano.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento