meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 18°
Gio, 22/04/2021 - 19:20

data-top

giovedì 22 aprile 2021 | ore 19:31

Dal calcio ai domiciliari

Giuseppe, 16 anni, un passato da promessa del calcio e, poi, i guai con la giustizia. L'appello di papà Nazareno e mamma Ilaria: "Aiutateci a riportare nostro figilio sulla buona strada".
Sport - Calcio (Foto internet)

Un passato sui campi da calcio, una carriera che, un po' alla volta, stava provando a costruirsi e quel sogno di diventare un giocatore affermato, magari in qualche blasonata squadra di serie A che, purtroppo, oggi non c'è più. No, non è stato cancellato del tutto; è stato solo messo da parte. "Perché a 16 anni non si può mettere la parola fine". Papà Nazareno e mamma Ilaria lo sanno; sanno, certo, che il loro figlio ha sbagliato (mettendosi nei guai con la legge), ma sanno anche che, alla fine, una seconda possibilità non si nega mai a nessuno. E, allora, ecco che non vogliono arrendersi, anzi, con ogni forza possibile, stanno combattendo e continueranno a combattere, per ridargli un presente ed un futuro nuovo e diverso. "Faremo qualsiasi cosa pur di vederlo lontano dalle cattive strade che aveva intrapreso - dicono - E' quello che vogliamo più di qualsiasi altra cosa ed è per questo che ci appelliamo a chiunque lo possa aiutare". Sedici anni, appunto, un talento per il pallone che, fin da quando era piccolo, non era passato inosservato agli occhi degli esperti e che gli aveva permesso di vestire le maglie di squadre del nostro territorio e pure di categorie maggiori, fino ad arrivare all'Arezzo. "Qui stava frequentando anche la scuola da orafo, poi ecco i problemi - continuano i genitori - Amicizie sbagliate e i guai con la giustizia, che l'hanno portato agli arresti domiciliari, dove si trova tutt'ora. Fa male quanto è successo. Stiamo male tutti. Non c'è giorno che non gli ricordiamo che ha sbagliato, perché è la prima cosa che deve capire. Quindi, è fondamentale che si renda conto che ha delle responsabilità verso ciascuno di noi, ma da soli, molto spesso, non è facile". E, allora, in questo senso una mano importante potrebbe dargliela Giampaolo Montesano, ex calciatore che, tra l'altro, ha giocato addirittura con Zico nell'Udinese e che nel 2009 ha fondato la 'Montesano Promotion', società che organizza camp, manifestazioni e tornei, oltre a seguire la gestione tecnica di società calcistiche; lui il mondo del calcio lo conosce, insomma, bene e il ragazzo l'ha seguito parecchio nei suoi trascorsi calcistici. "Se non sarà come giocatore, Giuseppe dovrà recuperarsi per la vita - concludono Nazareno e Ilaria - Vogliamo ringraziare Giampaolo per quanto ha fatto. Su di noi, infine, nostro figlio potrà contare sempre. Oggi, però, è la priorità è che risolva i problemi con la giustizia e che abbandoni definitivamente i brutti percorsi presi".

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento