meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno
Ven, 27/11/2020 - 11:20

data-top

venerdì 27 novembre 2020 | ore 12:16

L'assessore Fusetti lascia

L'assessore Luca Fusetti (Cultura, Istruzione e Commercio) ha presentato nelle scorse le sue dimissioni. "Sono stati anni importanti e di crescita. Grazie a tutti".
Castano - Luca Fusetti (Foto internet)

Una decisione maturata dopo una serie di riflessioni e anche confronti. E con l'ufficialità che è arrivata proprio nelle scorse ore. Già, perché l'assessore Luca Fusetti (Cultura, Istruzione e Commercio) ha deciso di lasciare il suo incarico sui banchi dell'attuale maggioranza in consiglio comunale a Castano. "Nella giornata di ieri (20 novembre) - scrive lo stesso Fusetti - ho protocollato presso gli uffici del Comune le mie dimissioni. Una scelta difficile e sofferta, ma che non poteva più essere rimandata. Chi mi conosce sa, infatti, che è mia caratteristica non far mai mancare impegno, costanza, passione, competenza e soprattutto energie e tempo disponibili ai compiti e ai doveri che mi si attribuiscono, caratteristiche essenziali che, purtroppo, oggi non riesco più a garantire. L’impegno amministrativo impone uno spirito mentale continuo, connesso ad una presenza nelle sedi istituzionali, volto al rapporto e al confronto con i vari uffici di competenza. Tali proprietà sono da sempre di difficile coniugazione con una professione dipendente, però tramite un delicato equilibrio con cui convivo da sempre e a fronte di non poche difficoltà, ho costantemente mantenuto stabile e produttivo in questi anni. Equilibrio che è venuto sempre più a mancare negli ultimi mesi, complice soprattutto la situazione emergenziale in cui stiamo vivendo. Sarei poco onesto se negassi il mio dispiacere nel non potermi dedicare completamente all’attività politica, ma, in una situazione mondiale in cui i disagi economici/sociali sono secondi solo alle immense difficoltà di salute, sarebbe irrispettoso non mettere al primo posto la valorizzazione e la tutela della propria attività lavorativa che, nel mio caso, è l’unica realtà di sostentamento economico/familiare". Da qui, dunque, questa decisione, unita, poi, a nuove prospettive ed incarichi professionali che, appunto, vedranno impegnato l'ormai ex assessore castanese. "Lascio il mio compito con la consapevolezza di aver messo tutto me stesso in questi sei anni e mezzo, coronati con l’immensa ed incancellabile emozione della riconferma, unita ad un riconoscimento personale di cui non sarò mai grato a sufficienza - prosegue - Lascio perché il mio sindaco necessita di collaboratori presenti, soprattutto in questo difficile momento, con la certezza che la Consigliera che prenderà il mio posto saprà dare un contributo importante, aggiungendo una professionalità specifica che in ambito pandemico/sanitario sarà sicuramente di valido aiuto. Ringrazio il primo cittadino Pignatiello, Pino per me, che non mi ha mai fatto mancare la sua fiducia e che con altrettanta volontà credo di aver ricambiato. Paradossalmente le cose più belle che mi porto via del nostro rapporto non sono le molte visioni concordi ma piuttosto gli “scontri”, i confronti, le discussioni tra di noi soprattutto in privato, che avvalorano ancora di più quanto sia meraviglioso non pensarla sempre allo stesso modo. La nostra diversità spesso palese, senza maschere, non ci ha mai ostacolato nel lavorare magnificamente insieme per tutto questo tempo, inconfutabile esempio di come le diversità sono sempre una ricchezza e che solo con l’apporto costante di impegno ed intelligenza si trasformano indiscutibilmente in valore aggiunto. Sono certo che i nostri confronti non termineranno perché sono importanti per la crescita personale di entrambi e perché in un mondo dove sempre di più l’ipocrisia e la falsità sono padroni, parlarsi 'in faccia' è un vero ed inestimabile valore. Tra tutti i colleghi con cui ho collaborato in questi due mandati voglio particolarmente ringraziare l’ex assessore Costantino Canziani che nel primo mandato, oltre che preziosa figura di riferimento, è stato
costante supporto ogni qualvolta - per impegni professionali - non potevo garantire presenza ai tavoli istituzionali. Ringrazio inoltre l’attuale assessore Isa Lodi con la quale, anche se per breve tempo, ho instaurato un collaborativo confronto su temi socio/istruttivi. Poi un grazie a tutti i dipendenti comunali (in particolare Suap e cultura/biblioteca), oltre alla collaborazioni 'esterne'. Ma il ringraziamento più grande va all’inestimabile tessuto associazionistico culturale e non del territorio. Per non tediare con l’infinito elenco, cito solo le realtà istituzionali come la Protezione Civile, la Pro Loco e la Banda cittadina, a cui sono grato e di cui sono orgoglioso per quanto fatto insieme. Tengo però veramente a ringraziare tutti: associazioni, gruppi e singoli con cui ho scambiato esperienze, emozioni, progetti in tutti questi anni. Per il futuro, quindi: non cesserò certo di fare politica in funzione alle mie possibilità, proseguendo l’impegno nel gruppo Alleanza Civica, considerando il fatto che avrò probabilmente più tempo da dedicare a nuovi sviluppi futuri e non perdendo la mia consueta anima socialista di “portare avanti tutti quelli che sono nati indietro” (cit. Pietro Nenni). Così come non smetterò di alimentare la mia più grande passione per la cultura, che in questi anni da assessore è cresciuta sempre più grazie anche al confronto costante e, appena le condizioni lo permetteranno, approfitterò di qualsiasi occasione per continuare a farne parte (le idee non mancano). E’ stata una meravigliosa avventura, un privilegio assoluto e un infinito orgoglio rappresentare la mia città ogni qualvolta lei stessa mi ha chiamato. Un’esperienza che tutti dovrebbero fare per comprendere davvero le responsabilità, il senso delle Istituzioni, il peso delle decisioni, i doveri prima dei diritti".

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento