meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole sparse 21°
Ven, 29/05/2020 - 17:20

data-top

venerdì 29 maggio 2020 | ore 17:54

Due rapine in poche ore

Una brutta giornata nel castanese. Prima una rapina all’ufficio postale di Buscate e, dopo qualche ora, assalto al Conad di Inveruno.
Cronaca - Carabinieri (Foto internet)

Una brutta giornata nel castanese. Prima una rapina all’ufficio postale di Buscate e, dopo qualche ora, assalto al Conad di Inveruno. Erano le 17 circa di martedì quando un uomo con il volto coperto da mascherina e armato di pistola è entrato nel supermercato di piazza don Villa. Ha minacciato i presenti e si è fatto consegnare l’incasso per poi fuggire facendo perdere le tracce. Tutto è successo nel giro di pochi minuti. Fortunatamente non si sono registrati feriti, ma lo spavento è stato tantissimo. I carabinieri della stazione di Cuggiono sono arrivati ad Inveruno per avviare le indagini. Impossibile sapere se l’arma che impugnava fosse vera o fosse, invece, una pistola giocattolo. Ha profferito solo poche parole ed è scappato all’apparenza a piedi. Non si può escludere che ad attenderlo vi fosse un complice munito di auto con la quale hanno completato la fuga. I responsabili del supermercato stanno continuando gli accertamenti interni per stabilire l’ammontare del bottino che non sarebbe elevato, circa duecento euro. Soltanto poche ore prima i malviventi erano penetrati nell’ufficio postale di Buscate. Erano le 12.30 circa nei locali di piazza San Mauro quando si è consumato il colpo sul quale stanno indagando a ritmo serrato sempre i carabinieri di Cuggiono. Erano in due, con il volto travisato, indossavano guanti e un cappellino. uno impugnava anche la pistola. Hanno prelevato circa 600 euro e sono fuggiti.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento