meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno
Sab, 26/09/2020 - 07:20

data-top

sabato 26 settembre 2020 | ore 08:20

Raccolta fondi apicoltura

La sera del Sabato Santo, verso le 21.40, a Bernate Ticino si è sviluppato un incendio che ha coinvolto e danneggiato un capannone, dove l'apicoltore Zucchini aveva il suo materiale.
Territorio - Apicoltura (Foto internet)

La sera del Sabato Santo, verso le 21.40, a Bernate Ticino si è sviluppato un incendio che ha coinvolto e danneggiato un capannone, dove l'apicoltore Angelo Zucchini aveva tutto il suo materiale: “Arnie, melari... non si è salvato nulla – commenta - Tra poche settimane ci saranno le prime fioriture e io non ho i melari per raccogliere il miele”. L'ipotesi è di incendio doloso: “I vigili del fuoco hanno ipotizzato che sia stato appiccato dai campi retrostanti il capannone – spiega Michela, la moglie – Abbiamo già sporto denuncia, ora saranno portate avanti le indagini. Ma intanto questo questo vile gesto ci ha davvero messo in ginocchio”. “Noi apicoltori svolgiamo un lavoro difficile per tanti motivi – spiega Angelo - Malattie delle api cambiamenti climatici, alzatacce notturne... E poi un criminale in due ore manda in fumo 8 anni di duro lavoro e sacrifici, fregandosene del bruttissimo momento che tutti noi stiamo vivendo, e alla viglia di Pasqua... Ma che essere sei?”. “Abbiamo attivato una raccolta fondi su Go Fund Me, disponibile a questo link: https://www.gofundme.com/f/ricominciamo-e-non-molliamo?utm_source=facebo.... Altrimenti, è possibile fare una donazione al seguente iban: IT38L0306932670100000001549. Non abbiamo vergogna a chiedere aiuto a tutti in questo momento di grande difficoltà, per ripartire al più presto. Desideriamo ringraziare sin da ora tutti coloro che vorranno dare il proprio contributo e assicuriamo la massima trasparenza e la rendicontazione puntuale delle somme ricevute”.
È possibile seguire il progetto di ricostruzione dell'apicoltura Zucchini anche su Facebook alla pagina: @apicolturabeenessere.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento