meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 22°
Ven, 10/04/2020 - 19:50

data-top

venerdì 10 aprile 2020 | ore 20:09

La spesa nel paese vicino?

Il sindaco di Arluno Moreno Agolli. "In merito alla spesa - dice - ci si può spostare nel punto vendita più vicino al posto di lavoro o a casa, anche se in un paese limitrofo".
Commercio - Fare la spesa (Foto internet)

La domanda è stata posta da non poche persone sui social. Sulla scorta del fatto che rifornirsi della spesa per i generi di prima necessità sia esigenza inderogabile: perchè, visto che ad Arluno vi sono solo due punti vendita per generi alimentari, non poter raggiungere quelli delle vicine Vittuone e Sedriano? Questo, osserva un utente sui social, "A fronte di una popolazione arlunese di circa dodicimila persone" e considerando "Che Vittuone e Sedriano sono accomunati dalla possibilità di luoghi dove fare la spesa". E allora, ha concluso, perchè non sfruttare la possibilità di questi centri nei territori vicini evitando così intasamenti che certo cozzerebbero contro le disposizioni sulla necessità di evitare assembramenti di ogni tipo per non gonfiare ulteriormente i muscoli del COVID-19? Il problema è emerso in un incontro tra i sindaci del Magentino a cui ha preso parte anche il primo cittadino arlunese, Moreno Agolli. "In merito alla spesa - dice - si specifica che ci si può spostare nel punto vendita più vicino al posto di lavoro o a casa, anche se in un paese limitrofo". Così hanno stabilito congiuntamente i sindaci del Magentino. Gli arlunesi preoccupati per la loro necessità di uscire dal territorio per recarsi a fare la spesa hanno quindi il via libera. Ovviamente con le rimanenti precauzioni del caso, prima tra tutte evitare gli assembramenti.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento