meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 12°
Lun, 25/05/2020 - 05:50

data-top

lunedì 25 maggio 2020 | ore 06:28

I 100 anni della 'staffetta'

Giuseppina Marcora, detta Pinetta, inverunese di nascita, ma residente a Legnano da molto tempo, ha raggiunto il traguardo ambito dei 100 anni il 23 febbraio.
Storie - 100 anni per Giuseppina Marcora

Giuseppina Marcora, detta Pinetta, inverunese di nascita, ma residente a Legnano da molto tempo, ha raggiunto il traguardo ambito dei 100 anni il 23 febbraio. Primogenita di 5 figli, in una famiglia umile e profondamente antifascista, è la sorella dell’illustre Giovanni Marcora, partigiano con il nome di battaglia di Albertino, politico e ministro dell’agricoltura. In gioventù fu staffetta partigiana durante la Seconda Guerra Mondiale, rischiando la vita più volte in nome della libertà. Per questa sua attività, ha ricevuto molti attestati di riconoscenza: tra gli altri, il Certificato di Patriota rilasciato a nome delle Nazioni Unite dal Maresciallo Alexander, comandante delle truppe alleate di tutto il Mediterraneo; il certificato dell’OSS (Office Strategic Service) del Governo degli Stati Uniti per la collaborazione data alla vittoria alleata (riferendosi al supporto alla missione Chrysler); quello del Presidente della Repubblica per il riconoscimento della qualifica di Partigiano, come appartenente al Raggruppamento di Dio. E, infine, dall’Esercito Italiano che le ha concesso il congedo militare. “La storia di Giuseppina più che con la penna è scritta con la vita - commenta Gianni Mainini, presidente del Centro Studi Marcora - e se mai il tempo cancellerà la memoria delle sue azioni, rimarrà comunque l’impronta del suo passaggio”.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento