meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 21°
Lun, 06/07/2020 - 00:20

data-top

lunedì 06 luglio 2020 | ore 01:20

Ricorso per la discarica

Busto Garolfo, Casorezzo e Parco del Roccolo, che hanno anche il sostegno del Comitato intercittadino antidiscarica, non intendono lasciare nulla di intentato.
Territorio - "No discarica nel Parco del Roccolo" (Foto internet)

La battaglia procede. Busto Garolfo, Casorezzo e Parco del Roccolo, che hanno anche il sostegno del Comitato intercittadino antidiscarica, non intendono lasciare nulla di intentato per scongiurare l'arrivo di una discarica per lo smaltimento di rifiuti speciali che rientra nel progetto della ditta Solter all'interno del polmone verde tra i due Comuni. Contro la scelta di Città Metropolitana di dare l'assenso alle garanzie finanziarie di Solter e di accettare la proposta delle aree compensative, così, i tre enti hanno deciso di presentare ricorso. L'assunto delle tre realtà coinvolte nella lotta antidiscarica è che quelle aree compensative, tanto compensative dopotutto non siano, perché troppo frazionate e, quindi, disomogenee, concetto emerso peraltro appieno nella partecipatissima assemblea pubblica di alcuni mesi fa svoltasi a Busto Garolfo. "Abbiamo per ora deciso di presentare il ricorso - spiega il primo cittadino bustese, Susanna Biondi - Poi valuteremo se vi siano le condizioni per la richiesta della sospensiva". Uno scenario evidenziato, inoltre, di recente anche dal sindaco di Casorezzo Pierluca Oldani. Busto Garolfo, Casorezzo, Parco del Roccolo restano, dunque, ora in attesa di capire se la loro decisione di ricorrere porterà a rimettere in discussione un progetto discarica per il quale sul territorio si è creata un'ampia mobilitazione.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento