meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno
Mar, 07/04/2020 - 06:50

data-top

martedì 07 aprile 2020 | ore 07:46

'Loreley': la musica che fa... bene!

Il ritorno ufficiale della rockband castanese. Il 18 gennaio, alle 21, all'auditorium Paccagnini di Castano. Un evento benefico per aiutare chi, purtroppo, è meno fortunato.
Musica - 'Loreley' durante la presentazione dell'evento

L'hanno ribattezzato il 'grande ritorno ufficiale' e, allora, per un momento tanto importante quanto speciale, beh... non potevano che scegliere un palcoscenico altrettanto particolare ed eccezionale. Su il sipario, infatti, all'auditorium Paccagnini, per quella che sarà una serata di grande musica e, allo stesso tempo, di solidarietà. Angelo, Gigi, Paolo, Pinu e Stefano, per tutti i 'Loreley' (la mitica rockband castanese) sono pronti , appunto, a tornare e lo faranno il prossimo 18 gennaio, alle 21, proprio a Castano. L'iniziativa, ad offerta libera, prenderà il via, dalle 19.30, con un apericena di benvenuto (costo 10 euro, prenotazione obbligatoria presso 'Favole e Caffé', piazza XXV Aprile, telefono 347/0451526), Musica - 'Loreley' quindi spazio alla musica, tra emozioni, coinvolgimento e ricordi. Senza dimenticare, come detto, l'obiettivo finale, ossia aiutare chi, purtroppo, è meno fortunato, perché l'evento sarà interamente a scopo benefico, a favore del 'Forum per i diritti dei bambini di Chernobyl' (comitato Desio Brianza) e dell'associazione 'Abbracciaperte' (comitato di Legnano). "Non neghiamo che c'è attesa e quel pizzico di tensione che è normale prima di salire sul palco - commenta il gruppo - Siamo felici di poter dare il nostro contributo; e siamo certi che la risposta della cittadinanza e del territorio sarà, ancora una volta, significativa". L'intera iniziativa, infine, verrà trasmessa in diretta web da TRM 88,00 Mhz (la Radio del Castanese).

LORELEY: ROCK CHE CONQUISTA
Band rock italiana nata negli anni 80 e attiva fino a fine anni 90. Dopo numerosi live e concorsi arriva il primo album 'Loreley' nel 1998. La formazione originaria formata da Angelo (basso), Dario (chitarra e voce), Paolo (batteria) Raffaella (voce) e Stefano (chitarra - e voce) si evolve nel tempo diventando quella definitiva che oggi si riunisce dopo quasi 25 anni e che vede protagonisti Pinu Cardini (voce), Angelo Guzzi (basso), Gigi Calloni (chitarra e tastiere), Paolo Guzzi (batteria e voce) e Stefano Castellazzi (chitarra, voce e autore dei brani).

DUE REALTA', AIUTI CONCRETI E MIRATI
Forum per i diritti dei bambini di Chernobyl - Onlus nata nel 1994 con la finalità di venire in aiuto alle popolazioni colpite dal disastro nucleare verificatosi a Chernobyl nel 1986, il Comitato di Desio e della Brianza è regolarmente iscritta all’Albo Regionale Organizzazioni Volontariato MI-178 Decreto del 5/6/2003. La principale attività è il supporto di diversi istituti in Bielorussia, che si occupano di crescere ed educare i bambini. Ma molti altri sono gli ambiti in cui sono attivi, dall'offrire ospitalità per un soggiorno terapeutico presso famiglie italiane a bambini dai 6 ai 18 anni all'inviare aiuti umanitari ad istituti bielorussi dai quali provengono i piccoli ospitati, fino ad attuare interventi di ammodernamento e ristrutturazione negli istituti stessi e dare assistenza sanitaria mirata ai bimbi colpiti da patologie derivanti dalle radiazioni. Abbracciaperte - Sociale - Un aiuto ai bambini Associazione nata nel 2018 da un progetto condotto con continuità da oltre 25 anni sul territorio e, sebbene si sia recentemente costituita Onlus con un nuovo consiglio direttivo, è animata dal medesimo nobile intento originale. Un gruppo di famiglie e volontari che hanno deciso di dedicarsi al sostegno di un progetto molto entusiasmante, ossia accogliere un bambino bielorusso nella propria casa, per circa un mese, una volta all'anno. Una comunità che riunisce identità familiari diverse tra loro per formazione culturale, religiosa, età, dimensione ed estrazione professionale; tuttavia condividono la scelta di solidarietà ed i principi di volontariato che sono alla base del progetto di accoglienza. L'ospitalità, inoltre, è gestita da un gruppo di famiglie e volontari, che si incontra periodicamente per confrontarsi e coordinarsi insieme. Esistono famiglie che accolgono, famiglie 'amiche dell'associazione' e tanti volontari che, pur non ospitando direttamente, si rendono dispoinibili per intrattenere i bambini o per accompagnarli nelle varie attività di gioco, sportive oppure nelle svolgimento delle visite mediche.

IL RITORNO UFFICIALE E SI FA DEL BENE

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento