meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole discontinue 21°
Lun, 13/07/2020 - 09:20

data-top

lunedì 13 luglio 2020 | ore 10:29

‘Rwanda: 100 more days’

La mostra del fotografo cuggionese Giovanni Mereghetti. Dal 14 settembre alle 18.30 fino al 6 ottobre presso la Torre Viscontea di Lecco (piazza XX Settembre 3).
Eventi - ‘Rwanda: 100 more days’

Il 1994 è stato un anno cruciale, e terribile, per la popolazione del Rwanda: nella primavera di venticinque anni fa, dopo mesi di forti tensioni politiche ed etniche, si è svolto uno dei genocidi più cruenti della storia contemporanea. In poche settimane, da aprile a luglio, furono uccise circa un milione (secondo le stime più recenti) di persone di etnia Tutsi. Il segno dei massacri ha lasciato una traccia indelebile nel paese africano, cui è dedicata la mostra ‘Rwanda: 100 more days’ del fotografo Giovanni Mereghetti. Un’iniziativa nata per “non fermarsi alla superficie e all’apparenza di un presente che tende a cancellare la storia passata”. L’esposizione sarà inaugurata il 14 settembre alle 18.30 presso la Torre Viscontea di Lecco (piazza XX Settembre 3) e rimarrà aperta ai visitatori fino al 6 ottobre, con i seguenti orari: martedì e mercoledì dalle 9.30 alle 14, da giovedì a domenica dalle 15 alle 18. Giovanni Mereghetti ha iniziato la sua carriera come freelance negli anni ‘80. Negli ultimi tempi si è occupato di raccontare, attraverso le immagini, le storie dei detenuti nelle carceri italiane e i flussi migratori provenienti dall’Africa occidentale. In precedenza ha documentato l’immigrazione degli anni ‘80 a Milano, il ritiro delle truppe vietnamite dalla Cambogia, la via della seta da Pechino a Karachi, l’embargo iracheno, la vita degli aborigeni australiani e delle popolazioni Nuba del Sudan. Mereghetti ha partecipato a numerose esposizioni in Italia e all’estero e le sue opere sono presenti nelle collezioni dell’Archivio Fotografico Italiano.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento