meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno
Sab, 07/12/2019 - 11:50

data-top

sabato 07 dicembre 2019 | ore 12:03

La 'Pastasciutta antifascista'

Con l'ANPI, il prossimo 25 alle 19 al Circolo Italia. Ma prima, alle 18.30, l'inaugurazione di un pannello della battaglia che si tenne ad Inveruno il 26 aprile 1945.
Inveruno - La 'Pastasciutta antifascista'

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO - Forse non tutti sanno che quel 25 luglio di 76 anni fa, alla pastasciutta organizzata dai fratelli Cervi, partecipò anche qualche fascista. Qualcuno avverte Antenore Cervi che ad aspettare la pasta c’è un giovane in camicia nera. Lui dice: "Si vede che ha fame", poi gli si avvicina e lo apostrofa "Almeno la camicia te la potevi togliere", e lui risponde: "Ho solo questa", Cervi incalza: "Hai capito come ti ha ridotto il fascismo?". Questo piccolo episodio dovrebbe farci intuire che l’antifascismo è storicamente il collante ideologico che ha unito tutte le diverse forze che si opposero al nazifascismo. Oggi come allora il termine 'anti' non vuole essere per nulla divisivo, anzi, essere antifascisti è un valore di coesione, di accettazione e di tolleranza. Per questo vi invitiamo ad unirvi a noi il 25 luglio alle 19 presso il Circolo Italia di Inveruno, per condividere la storica 'Pastasciutta dei Cervi', un’irrinunciabile tradizione per ricordare quel giorno, quando nelle campagne reggiane tra Campegine e Gattatico, Alcide Cervi definì quella festa: "l più bel funerale del fascismo"... tutto il resto è storia. E per tutti gli amanti del grande Faber, canzoni di e in libertà con il concerto dell’insuperabile 'Renato Franchi e l'Orchestrina del Suonatore Jones'. Ma prima della pastasciutta, insieme al sindaco e all’Amministrazione comunale, alle 18.30 in via Magenta (di fianco al cancelletto piccolo della biblioteca), ci sarà l’inaugurazione ufficiale di un pannello che ricorda la battaglia che si tenne ad Inveruno il 26 aprile 1945 con la resa dei tedeschi. 'I luoghi della Resistenza – percorso della Memoria Diffuso': un progetto nato per iniziativa delle locali sezioni dell’ANPI, della FIVL e dell’Ecoistituto della Valle del Ticino che prevede la posa di pannelli in cui si riportano i fatti più significativi, avvenuti nella nostra zona, che videro protagonisti tra il 1943 3 il 1945 la meglio gioventù di allora. A completamento del progetto, è in fase di realizzazione un sito internet dedicato, al quale si potrà accedere anche tramite QR code, dove si potranno trovare notizie ulteriori, materiale di studio e siti di interesse legati al tema del pannello.

Invia nuovo commento