meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 17°
Ven, 19/04/2024 - 16:50

data-top

venerdì 19 aprile 2024 | ore 17:53

"Scegliere la pace"

Cornaredo: sabato 23 settembre una giornata di testimonianze, riflessioni e festa, con l'Arcivescovo Delpini. Destinatari dell'iniziativa obiettori in congedo, volontari del servizio civile che scelgono di impegnarsi per la non violenza.
Attualità - Pace nel mondo (Foto internet)

“Scegliere la pace. Un impegno personale, una prospettiva per tutti”: sabato 23 settembre al Centro sportivo “Pertini” di Cornaredo (via dello Sport, 70) è in programma, dalle 10 alle 17, una giornata di confronto, approfondimento e festa rivolta a obiettori in congedo, giovani del servizio civile e cittadini sensibili al tema della costruzione della pace. Nel pomeriggio l’intervento dell’Arcivescovo di Milano, mons. Mario Delpini.
In un contesto segnato da guerre e instabilità politiche, anche nel cuore dell’Europa, l’iniziativa, organizzata da Caritas Ambrosiana insieme a CSI (Centro Sportivo Italiano), FOM (Fondazione Oratori Milanesi) e alla Pastorale Giovanile della Diocesi di Milano, vuole valorizzare l'esperienza e i percorsi di quelle migliaia di “costruttori di pace” che, prima con l’obiezione di coscienza e poi con il servizio civile, si sono impegnate in attività di gratuità e prossimità alle persone più fragili, contribuendo a costruire la cultura della non violenza.
Nella mattinata sono previsti gli interventi di Francesco Vignarca (Rete Italiana Pace e Disarmo) e Mao Valpiana (Movimento Nonviolento), seguiti da una intervista tripla, a cura del giornalista di “Famiglia Cristiana” Alberto Chiara, a Guido Acquaviva, obiettore di coscienza, già funzionario dei Tribunali penali internazionali, Silvia Motta, opeatrice sociale, già volontaria Servizio civile ad Haiti, e Lorenzo Radice, sindaco di Legnano. A seguire tavoli di lavoro, l’intervento dell’Arcivescovo alle 14.30 e momenti di musica e intrattenimento.
«Noi e le altre pastorali diocesane – spiega Luciano Gualzetti, direttore di Caritas Ambrosiana, presentando l’iniziativa – siamo interessati a comprendere gli scenari odierni per aggiornare la cultura della non violenza, patrimonio della nostra storia. Intendiamo inoltre calibrare sempre meglio le azioni di pace che svolgiamo e sosteniamo in tanti luoghi di conflitto nel mondo e nelle nostre comunità locali, dove proviamo a gettare semi di fraternità e a creare durature condizioni di convivenza e riconciliazione».
Dallo scoppio della guerra in Ucraina, nel febbraio 2022, sono numerose le iniziative promosse dalla Diocesi di Milano per sensibilizzare sul tema della pace. In particolare, durante la scorsa Quaresima, parrocchie, comunità, movimenti si sono mobilitati per rispondere all’appello dell’Arcivescovo dal titolo “Noi vogliamo la pace”: un invito alla politica per la ricerca più convinta di una soluzione diplomatica ai conflitti e al contempo la richiesta a ciascuno di assumere un impegno personale per promuovere la pace. Un appello che ha raccolto quasi 52mila adesioni. Anche Caritas Ambrosiana, oltre al lavoro quotidiano di accoglienza, orientamento e integrazione a favore di centinaia di profughi ucraini, ha organizzato convegni e momenti di riflessione per continuare a interrogarsi su cosa significhi davvero costruire la pace.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La gratuità del servizio è possibile grazie agli investitori pubblicitari che si affidano alla nostra testata. Se vuoi comunque lasciare un tuo prezioso contributo scrivi ad amministrazione [at] comunicarefuturo [dot] com
Grazie!

Invia nuovo commento