meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno
Ven, 27/01/2023 - 23:50

data-top

sabato 28 gennaio 2023 | ore 00:28

Quattro esercizi per allenare la mente

Mantenere il cervello allenato e attivo aiuta a rimanere in salute, vivere a lungo e ottenere prestazioni più elevate in qualsiasi attività. Ecco alcuni esercizi per restare in allenamento.
Salute - Esercizi per la mente

La mente può essere il nostro più grande alleato o il nostro più temibile avversario, tutto dipende da come la usiamo e quanto ce ne prendiamo cura. Mantenere il cervello allenato e attivo, infatti, aiuta a rimanere in salute anche a livello fisico e permette non solo di vivere a lungo, ma anche di ottenere prestazioni più elevate del normale in qualsiasi attività ci si imbarchi. Allenare la mente oltretutto non è poi così difficile: bastano alcuni semplici esercizi per vedere risultati notevoli.
 
L’importanza di una buona preparazione (fisica e mentale) nella vita
Nasciamo con forse non troppa consapevolezza di quanto il nostro corpo e la nostra mente abbiano davvero bisogno per funzionare a dovere, ma non passa molto tempo prima che lo scopriamo. Nella vita ci vuole forza, concentrazione, preparazione e, perché no, anche un po’ di fortuna. Dopotutto, come recita un detto di Seneca, “la fortuna è ciò che succede quando la preparazione incontra l’occasione”, e questo non potrebbe essere più vero. 
 
Un esempio lampante di quanto affermato da Seneca lo si ha osservando i giocatori professionisti, dai calciatori, ai motociclisti, ai giocatori di poker. Chi tra loro raggiunge il successo è sì, baciato dalla fortuna, ma quel bacio non cade mai dal cielo: dietro ogni occasione c’è sempre tanto lavoro e dedizione, tanti anni di preparazione e, soprattutto, una sana disciplina specificatamente pensata per mantenere la mente e il fisico in perfetta forma, così da sostenere le molte e stressanti ore di gioco.
 
Di esercizi da fare per mantenere la propria mente allenata ce ne sono tanti, qui di seguito riportiamo i più semplici ed efficaci.
 
A megaminx (a variation of a Rubik's cube) scrambled
Foto di Alan De La cruz da Unsplash.
 
Scrivi con la mano non dominante
Scrivere è un’azione che facciamo con estrema facilità, quasi senza rifletterci, ma a livello cerebrale è invece operazione complicatissima che coinvolge più aree cerebrali allo stesso momento: quelle del linguaggio e quelle del movimento della mano. 
 
Se svolgiamo questa azione con la mano con cui non siamo abituati a farlo, noteremo che non sembra essere poi così semplice, il risultato sicuramente non sarà né fluido né omogeneo, ma i benefici al nostro cervello, d’altro canto, saranno massicci. 
 
Nell’imporre al nostro cervello la scrittura con la mano non dominante, infatti, stimoliamo specifiche attività sinaptiche che solitamente non utilizziamo e permettiamo, così, a determinate cellule nervose di ricominciare a comunicare.

Paper and Pencil with hand
Foto di Kelly Sikkema da Unsplash.

Usa il tatto per riconoscere gli oggetti
Un secondo esercizio divertente da fare è quello di chiudere gli occhi e provare a riconoscere gli oggetti usando solo il senso del tatto. Inutile dire che in questo modo andiamo a stimolare non solo il senso appena citato, ma anche tutti gli altri. Quando un senso viene meno, infatti, il cervello si attiva per riuscire a reperire quelle informazioni in altro modo. Se, ad esempio, davanti a noi avremo una mela, la riconosceremo per il tatto ma ne sentiremo in modo accentuato sicuramente anche l’odore. 
 
Fai l’enigmistica
L’enigmistica è il passatempo di moltissime famiglie italiane, soprattutto in estate sotto l’ombrellone, quando si ha più tempo libero da riempire. Questo passatempo, però, rappresenta anche un divertente esercizio per il nostro cervello che, grazie a cruciverba, sudoku e rebus, viene stimolato su più aspetti tra cui la memoria, il linguaggio e l’attenzione. L’enigmistica, inoltre, è divertente anche farla in gruppo, cosa che rende l’esercizio accessibile anche ai più pigri e svogliati. 
 
Fai calcoli mentali
Infine, un ultimo esercizio semplice e che non porta via troppo tempo è quello di fare calcoli mentali. Evitare di usare la calcolatrice o il cellulare per fare operazioni semplici e quotidiane aiuta incredibilmente il cervello a mantenersi attivo e vitale. Non importa lanciarsi in funzioni e derivate, bastano i conto della spesa, ad esempio, oppure ci si può divertire a contare al contrario, partendo da 100 e arrivando a 0, per intenderci. Ancora un altro esercizio può essere quello di svolgere a mente le operazioni di moltiplicazione; in questo modo, infatti, il cervello è costretto a creare dei “riporti” mentali di numeri da ricordare per poi sommarli alla fine. Si tratta di semplici trucchi, nulla più. In questo caso, per esempio, è come se allenassimo il cervello a creare scatole di memoria temporanea per aiutarci ad arrivare alla fine di un ragionamento.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La gratuità del servizio è possibile grazie agli investitori pubblicitari che si affidano alla nostra testata. Se vuoi comunque lasciare un tuo prezioso contributo scrivi ad amministrazione [at] comunicarefuturo [dot] com
Grazie!