meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno
Gio, 02/02/2023 - 08:50

data-top

giovedì 02 febbraio 2023 | ore 09:46

Motoclub Magenta allo Swank Rally

Si è chiusa la quarta edizione dello Swank Rally di Sardegna 2022, organizzato da Adventure Riding e Deus Ex Machina, con un'ulteriore crescita dei partecipanti che ha raggiunto il numero record di 220 piloti provenienti da 10 Nazioni.
Magenta / Motori - Motoclub Magenta

Si è chiusa la quarta edizione dello Swank Rally di Sardegna 2022, organizzato da Adventure Riding e Deus Ex Machina, con un'ulteriore crescita dei partecipanti che ha raggiunto il numero record di 220 piloti provenienti da 10 Nazioni. Un evento capace di unire le caratteristiche di un vero rally fatto di navigazione con road book e prove speciali, con una componente di avventura e scoperta del territorio sardo, uno tra i più ricchi d’Italia. Nello Swank Rally è obbligatorio il tassello, ma la formula Swank fa dello stile e del approccio gentleman race altri due elementi essenziali nel evento. Alla partenza moto da enduro vintage e moderne pronte a macinare chilometri su tracciati con una varietà di terreni e panorami che solo la Sardegna è in grado di offrire e che ricalcano il leggendario Rally di Sardegna lanciato dallo stesso Renato Zocchi nel 1984. Due le categorie competitive alla partenza, R1 (Vintage) e R2 (Moderne), dove era obbligatorio l’uso del road book ai fini della classifica finale. Oltre a queste la categoria Experience, senza classifica ma con lo stesso tracciato delle altre classi, con la possibilità di usare il GPS o road book e comunque, anche di percorrere le prove speciali senza ansie di prestazione. In quest’ultima categoria erano alla partenza anche due rappresentanti del Motoclub Magenta; Oreste Ticozzelli, presidente del sodalizio, e Flavio Carato. Il primo sulla storica Suzuki DR350E e il secondo su una moderna SWM RS500R. Un tracciato, quest’anno snodato nella Sardegna orientale, abilmente studiato da Renato Zocchi per dare divertimento ai piloti con prove speciali e tratti hard più impegnativi così da mettere alla prova anche i più esperti, tratti ovviamente facoltativi per la categoria Experience. Prologo scenografico in notturna sulla storica pista da motocross della Malpensa, seguito da bbq e musica fino a tardi per i piloti più temerari. La competizione vera è iniziata però il mattino successivo con la tappa più lunga del rally, 280 Km da Malpensa a Genova con l’attraversamento del Parco del Ticino e di altri 4 parchi naturali attraverso la pianura padana e le sue risaie con 2 prove speciali: una di accelerazione all’interno dello storico Campo Prove Pneumatici di Pirelli a Vizzola Ticino ed una seconda molto impegnativa sugli appennini Liguri, fino a Genova per l’imbarco verso Olbia. La seconda tappa, da Olbia ad Orosei, ha mostrato subito la grande varietà di terreni che avrebbe caratterizzato tutte le tappe del rally. Una prova speciale all’interno di un parco di Foresta veloce e guidata senza difficoltà di navigazione. Particolarmente emozionante l’arrivo lungo un tratto retrodunale su fondo sabbioso, fino all’hotel Marina Beach di Orosei sede di arrivo di 2 tappe. La terza tappa, la più corta con i suoi 220 km, è stata un giro ad anello, con partenza ed arrivo a Orosei, fino a raggiungere il massiccio del Gennargentu dove le difficoltà di navigazione della prova speciale hanno divertito e messo a dura prova i piloti. Molto apprezzato il punto di ristoro nella piazza del paese di Orgosolo tra i suggestivi murales. Quarta ed ultima tappa ha riportato i partecipanti verso Olbia, ancora verso l’interno dell’isola fino a raggiungere il nuraghe di Loelle, dove con la collaborazione del moto club Buddusò è stata organizzato un punto di ristoro per piloti ed assistenti. Attraverso boschi di sugheri e le velocissime strade, sede di una speciale del WRC, si è svolta una prova speciale che ha alternato velocità a difficoltà di navigazione e che ha nuovamente ribaltato la classifica finale. Con la salita sull’altipiano di Buddusò con il suo parco eolico e con i panorami a 360 gradi tra le suggestive rocce che contraddistinguono il territorio sardo e l’arrivo alla spiaggia di Porto Taverna, si è concluso questo riuscitissimo Swank Rally di Sardegna. L’ultimissimo trasferimento di 10 chilometri ci ha portati al traghetto GNV, pronto per accoglierci mettendo a disposizione una delle sue sale per le premiazioni. Nonostante un tracciato a volte insidioso, nei suoi 1011 km totali previsti, entrambi i Piloti hanno completato senza inconvenienti lo Swank Rally di Sardegna che si è confermato tra i più riusciti del panorama fuoristradistico.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La gratuità del servizio è possibile grazie agli investitori pubblicitari che si affidano alla nostra testata. Se vuoi comunque lasciare un tuo prezioso contributo scrivi ad amministrazione [at] comunicarefuturo [dot] com
Grazie!

Invia nuovo commento