meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole discontinue 17°
Mer, 05/10/2022 - 03:20

data-top

mercoledì 05 ottobre 2022 | ore 04:24

L'anno dei Vigili del fuoco

La caserma dei Vigili del Fuoco volontari di Inveruno si conferma una presenza insostituibile in paese, ma anche sul territorio dell’Altomilanese.
Inveruno - Caserma dei Vigili del Fuoco con i mezzi

La caserma dei Vigili del Fuoco volontari di Inveruno si conferma una presenza insostituibile in paese, ma anche sul territorio dell’Altomilanese: per il secondo anno consecutivo, infatti, si è classificata al primo posto in Italia tra le caserme di volontari per numero di interventi. “Nel 2021 i pompieri inverunesi – di cui 53 volontari - hanno eseguito 1.250 interventi, con una media di 4 al giorno – si legge sul comunicato diramato sulla rivista comunale 'Notizie dal Comune' - I volontari hanno lavorato senza sosta per 1.670 ore su un territorio di oltre 60 Comuni. A Inveruno hanno raggiunto il numero maggiore di interventi, ben 92”. “Le chiamate più numerose sono state per gli incendi che hanno impegnato i pompieri volontari in 450 occasioni e più di 350 sono stati gli interventi di soccorso e protezione della vita umana: di questi nel 2021, ben 8 sono stati per salvare la vita a persone che rischiavano di annegare nelle acque dei fiumi e canali del territorio. Non sono poi mancate le chiamate per soccorso agli animali: infatti, ben 77 sono stati gli interventi di questo tipo, come per esempio il recupero di cinghiali e daini nelle acque del Villoresi, del Naviglio Grande e del Ticino, nonché il classico recupero del gatto arrampicato sull’albero o, in un caso, a ben 5 metri d’altezza sul tetto di un’azienda”. E nel 2022? Gli interventi sono già più di 600 e purtroppo si stanno intensificando senza tregua gli incendi, dovuti alla forte siccità che sta colpendo anche il nostro territorio. Ma vi è anche una buona notizia: la tradizionale festa ‘Insema ai pumpier da cà nosta” è tornata a far aggregare la gente e i bambini come ‘piccoli pompieri’. Per quattro giorni, il cortile del Torchio si è animato con musica, cibo e la possibilità di visionare i mezzi di soccorso e le loro attrezzature, ovvero i 5 mezzi a disposizione: un’autopompa, un’autobotte che esce in supporto all’autopompa per incendi di grosse dimensioni, un carro fiamma necessario per incidenti stradali e un carro soccorso attrezzato con un telo-salto in caso di tentato suicidio. Infine, un modulo boschivo più piccolo degli altri mezzi, ma efficace per percorrere strade boschive e difficoltose.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La gratuità del servizio è possibile grazie agli investitori pubblicitari che si affidano alla nostra testata. Se vuoi comunque lasciare un tuo prezioso contributo scrivi ad amministrazione [at] comunicarefuturo [dot] com
Grazie!

Invia nuovo commento