meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 29°
Ven, 12/08/2022 - 17:20

data-top

venerdì 12 agosto 2022 | ore 17:58

La 'bella storia' della Madonna di Oriano

Tutto, purtroppo, ha inizio con un furto perpetrato da alcuni malintenzionati. Si introdussero, forzando la porta della Sacrestia, nella Chiesa Parrocchiale Sant'Antonio Abate di Oriano Sopra Ticino a Sesto Calende.
Territorio / Storie - La Madonna di Oriano

Tutto, purtroppo, ha inizio con un furto perpetrato da alcuni malintenzionati. Si introdussero, forzando la porta della Sacrestia, nella Chiesa Parrocchiale Sant'Antonio Abate di Oriano Sopra Ticino a Sesto Calende. Era la notte tra il 10 e l'11 di Novembre del 1991 e, come fu scritto nella denuncia presentata alla locale Caserma dei Carabinieri, furano sottratti 4 quadri non solo storici ma anche di valore.

Solo qualche giorno dopo ci si accorse che, chi aveva furtivamente sottratto questi beni, aveva abbandonato, nei vicini boschi, le cornici. Per lungo tempo, poi, vennero lasciate in un locale attiguo alla Parrocchia ed usato come deposito. Vennero notate da Vitaliano Forlani che abitualmente si prende cura del Presepe Natalizio posto all'interno della chiesa.

Non nuovo a queste iniziative la sua prima idea è stata quella di prendersene cura sottoponendo una di queste cornici, la più imponente, ad un delicato intervento di restauro. Il risultato fu talmente soddisfacente che Vitaliano non si fermò qui ma, chiesta la collaborazione di Iva Cecconi, decise di voler suggerire che una nuova opera potesse prendere il posto di quella trafugata. Qui fece la differenza un suggerimento della signora Luigia, colei che si prende cura della chiesa, che chiese ai due autori di cimentarsi in un’opera mai realizzata prima: la Madonna di Oriano.

Fu in questo modo che Iva e Vitaliano presero spunto ed ispirazione da una del celebre Andrea del Sarto, pittore Fiorentino, e decisero di porsi all'opera. La scelta di questa non fu casuale offrendo, anche sull'originale (la celebre Madonna della Scala del 1522-1523 conservata presso il Museo del Prado di Madrid), spazio sulla destra per allocare il profilo legato all'abitato di Oriano.

La realizzazione dell'opera ha impegnato i 2 autori tutto lo scorso inverno. Questa ha messo alla prova le abilità di Iva Cecconi che ha iniziato a disegnare da giovanissima frequentando poi il Liceo Artistico. Dopo il lungo lavoro l'opera soprannominata 'La Madonna di Oriano' è stata ricollocata dove la precedente era stata trafugata. Anche l'opera di ricollocazione è stata impegnativa avendo coinvolto 'I Ragazzi del Palio Sestese' capitanati dal Vice Presidente Francesco Signori che si sono arrampicati per completarne la posa. Questo a coronamento del forte desiderio di Vitaliano Forlani molto legato alla comunità di Oriano Sopra Ticino ed alla Sua Chiesa essendo nato proprio a due passi nel 1955.

L'opera verrà ora benedetta domenica 1° maggio da don Luca Corbetta in occasione sia dell'apertura delle celebrazioni del mese Mariano che della ripesa delle funzioni, dopo la pausa invernale, nelle chiese poste nelle frazioni della città di Sesto Calende. La Messa avrà luogo a partire dalle 10.15. Da parte della Comunità Pastorale Sant'Agostino di Sesto Calende la profonda gratitudine ad Iva e Vitaliano per questo dono.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La gratuità del servizio è possibile grazie agli investitori pubblicitari che si affidano alla nostra testata. Se vuoi comunque lasciare un tuo prezioso contributo scrivi ad amministrazione [at] comunicarefuturo [dot] com
Grazie!

Invia nuovo commento