meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nessuna nuvola significante 12°
Sab, 01/10/2022 - 06:50

data-top

sabato 01 ottobre 2022 | ore 07:49

Ganna e quei due anni a Castano

Filippo Ganna: l'oro alle Olimpiadi di Tokyo (ciclismo su pista-inseguimento a squadre), in fondo, parla anche un po' castanese. Due anni da Juniores al Pedale Castanese-Verbani. Marcello Bergamo, allora vicepresidente, ricorda quei momenti.
Sport - La squadra del Pedale Castanese-Verbania con Filippo Ganna

La determinazione, l'impegno, la grinta ed il talento che l'hanno sempre contraddistinto. Se lo ricorda bene Marcello Bergamo, perché, alla fine, a Castano Filippo Ganna (fresco vincitore della medaglia d'oro alle Olimpiadi di Tokyo nel ciclismo su pista-inseguimento a squadre) ha vissuto alcuni momenti certamente importanti della sua carriera da corridore. Due anni, infatti, tra le fila dell'allora Pedale Castanese-Verbania, per poi spiccare il salto e diventare il grande atleta che è oggi. "E' arrivato che è era un ragazzo - racconta lo stesso Bergamo, in quel periodo vicepresidente della società del nostro territorio - Correva nella categoria Sport - Filippo Ganna con la maglia del Pedale Castanese-Verbania Juniores e, fin da subito, ma, in fondo, già anche prima che lo prendessimo, si era capito che aveva delle straordinarie qualità. Era davvero forte e non mi riferisco soltanto alla parte sportiva, bensì pure a livello di testa. Il suo obiettivo era raggiungere il professionismo e, ogni volta, ci metteva cuore, passione e gamba". Un giovane che di strada, insomma, ne avrebbe fatta e pure tanta. "In gara lo vedevi come sapeva rendersi conto del momento buono per provare ad attaccare gli avversari e, quando partiva, era praticamente o quasi imprendibile - continua Bergamo - Ha centrato una serie di significative vittorie e, adesso, vederlo tra i principali protagonista del ciclismo è una bellissima emozione e gioia. L'oro conquistato in Giappone, poi, è stata una grande soddisfazione, così come anche gli altri successi che ha centrato in questi anni. Filippo ha sempre avuto tutte le caratteristiche per poter fare bene. Bravo sui pedali e bravo nella vita. Un ragazzo educato, disponibile, pronto ad ascoltare i consigli dei suoi allenatori e a mettersi a disposizione del gruppo ogni volta che ce n'era bisogno".

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La gratuità del servizio è possibile grazie agli investitori pubblicitari che si affidano alla nostra testata. Se vuoi comunque lasciare un tuo prezioso contributo scrivi ad amministrazione [at] comunicarefuturo [dot] com
Grazie!

Invia nuovo commento