meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo coperto, pioggia 18°
Mer, 04/08/2021 - 23:20

data-top

mercoledì 04 agosto 2021 | ore 23:41

'Uomini con il fuoco dentro'

Un'omelia, poi un brano musicale e, infine, uno spettacolo teatrale. 'Uomini con il fuoco dentro', autore l'Arcivescovo di Milano, debutta al Teatro Menotti-Filippo Perego.
Milano - 'Uomini con il fuoco dentro' (Foto internet)

In origine è stata un’omelia, poi è diventato un brano musicale, infine uno spettacolo teatrale. Questa la genesi di 'Uomini con il fuoco dentro', l’opera che debutterà sabato 26 giugno al Teatro Menotti-Filippo Perego alla presenza del suo autore, l’Arcivescovo di Milano, Monsignor Mario Delpini. Nato da un omaggio che l’Arcivescovo ha reso alla figura di don Francesco Pedretti, sacerdote ambrosiano e fondatore del Coe (Centro orientamento educativo) di Barzio, promotore di progetti di cooperazione internazionale in particolare in Africa, il testo è stato prima musicato dal coro multietnico Elikya e in seguito drammatizzato dall’associazione omonima grazie a nuovo contributo dello stesso Delpini scritto appositamente per la messa in scena. Sarà ora l’ensemble composta da 50 coristi di 16 nazionalità differenti, guidati dal direttore Raymond Bahati e dalla regista Anna Maria Ponzellini, a rappresentare l’adattamento teatrale sul palcoscenico della sala, salvata dalla chiusura grazie all’intervento del conte-architetto Filippo Perego, che ha inserito lo spettacolo nel cartellone della prima stagione post Covid. La trama dello spettacolo tesse storie che parlano di uomini e donne alla ricerca della felicità, persone che attraversano il mondo con tutte le sue incongruenze, debolezze, malvagità e tristezze e a cui vengono svelati i segreti per abitarlo con saggezza e nella gioia piena. La formula adottata nasce dall’esperienza maturata da Elikya negli ultimi anni attraverso la realizzazione di spettacoli che intrecciano le più diverse forme artistiche: canto, danza, recitazione, cinema, un mix che tiene accesa l’attenzione dello spettatore dall’inizio alla fine perché ricco di sorprese. Un intreccio che rispecchia la composizione multiforme del gruppo stesso e svela la bellezza della diversità.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento