meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo coperto, pioggia 18°
Mer, 04/08/2021 - 23:20

data-top

mercoledì 04 agosto 2021 | ore 23:53

"Medici: reintegrati al più presto"

"Cuggiono, 8300 abitanti, non può rimanere con solo due medici". Una raccolta firme che si chiede, allora, a tutti i cittadini di sottoscrivere.
Cuggiono - Palazzo Kuster

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO - E' grave che a distanza di 3 settimane dall’aver evidenziato l’eventualità che 3000 cittadini di Cuggiono rimangano senza medico di base, da Regione e ATS non si abbiano ancora risposte concrete sulla sostituzione dei medici che andranno in pensione a fine giugno. Oggi tutti affermano la necessità di ricostruire la medicina territoriale, da tempo depotenziata in favore di strutture ospedaliere di grandi dimensioni. Ma questo tipo di medicina parte proprio dalla adeguata presenza di medici di base e dal rilancio di ospedali come il nostro. Cuggiono, 8300 abitanti, non può rimanere con solo due medici. Il tempo stringe, fine giugno si avvicina ed è importante farci sentire. Ecco perché lanciamo questa raccolta firme che chiediamo a tutti i cittadini di sottoscrivere. Chiediamo a tutti gli esercizi pubblici e a tutte le realtà sociali di collaborare al fine che la raccolta abbia il maggior risultato in tempi brevi. Ben sapendo degli sforzi dell’Amministrazione Comunale di incentivare l’arrivo di nuovi medici attraverso facilitazioni nell’utilizzo della struttura di Palazzo Kuster, chiediamo a ogni forza politica presente in paese di attivarsi presso i propri rappresentanti in Regione affinché il risultato di avere un numero adeguato di medici sia raggiunto e che l’ospedale di Cuggiono eserciti al meglio le sue funzioni. (Acli, Aido, Avis, Centro Sociale, Ecoistituto Ticino, Insieme, Azzurra Soccorso e Caritas)

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento