meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 19°
Sab, 27/02/2021 - 13:20

data-top

sabato 27 febbraio 2021 | ore 13:50

Finto nipote, figlio o medico

Malviventi si spacciano per un nipote, un figlio o una figlia oppure un medico e con la scusa di trovarsi in ospedale ed avere bisogno di cure derubano le vittime dei soldi.
Cronaca - Truffa anziani (Foto internet)

I 'modus operandi', alla fine, sono praticamente o quasi gli stessi. Il telefono che squilla, la vittima che alza la cornetta e dall'altra parte ecco qualcuno che si spaccia per medico oppure per un familiare e, con la scusa, di trovarsi in ospedale ed avere bisogno di cure, in quanto gli è stato riscontrato il Covid, chiede soldi, invitando a consegnarli ad un complice che, di lì a poco, si presenterà alla porta o di portarli in un determinato posto, dove a recuperarli ci sarà sempre un'altra persona d'accordo con il primo malvivente. E, in pochi minuti, allora la truffa va a segno. E' successo, infatti, proprio nei giorni scorsi, non solo a Magenta, ma anche a Nosate. Più di un caso (da quanto si è saputo, per fortuna con il raggiro che è stato solo tentato, grazie alla prontezza di riflessi dei malcapitati di turno), più di una telefonata che sarebbe, appunto, arrivata, a distanza di poco tempo, ad alcune anziane signore del paese. E il copione, come detto, era quello della finta nipote o figlia che aveva necessità urgente di reperire denaro contante, per sottoporsi a degli accertamenti, in quanto aveva contratto il virus. Ovviamente era tutto falso, così l'appello è il medesimo già ripetuto in molte altre occasioni, ossia non assecondare le richieste che dovessero arrivare telefonicamente, ne tantomeno far entrare nessuno nella propria abitazione, bensì contattare immediatamente le Forze dell'ordine.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento