meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 19°
Sab, 27/02/2021 - 12:20

data-top

sabato 27 febbraio 2021 | ore 13:08

Natale in... corsia

Massimiliano Bertini, infermiere nel reparto Rianimazione dell'ospedale di Magenta. Il giorno di Natale al lavoro, accanto ai pazienti. "Abbiamo provato ad alleviare la loro situazione, con videochiamate ai familiari e parenti e facendo sentire tutto l'affetto possibile".
Castano / Magenta - Massimiliano Bertini

La voce, inevitabilmente, stanca; nella testa, poi, il primo pensiero che va alle ultime ore appena passate e più in generale ai diversi momenti che, ormai, da mesi e mesi assieme ai suoi colleghi sta affrontando. Le 13.45 circa quando Massimiliano Bertini varca la porta del reparto Rianimazione dell'ospedale di Magenta. Un nuovo turno che sta per cominciare; un'altra giornata in corsia, anche oggi che è Natale. "Perché questa è la nostra professione - racconta l'infermiere - Non ci sentiamo per nulla degli eroi, come qualcuno ci ha ribattezzati, ma stiamo facendo solo il nostro dovere. Abbiamo studiato per questo e chi, pertanto, potrebbe essere in quegli istanti precisi in quei posti, appunto, se non noi". Un impegno e un'attenzione, insomma, a 360 gradi che non conosce feste o pause. "Non si può - continua - E la grande forza sta nell'importante lavoro di squadra che, ogni volta, c'è tra tutti, personale sanitario e coloro che operano nelle strutture ospedaliere". Ma è innegabile, comunque, come qualcosa, alla fine, con la lunga e complessa emergenza Covid-19 e i vari protocolli e misure di sicurezza, sia cambiato. "In modo particolare dal punto di vista emozionale - conclude - Con le protezione, infatti, ti trovi a dover comunicare con i pazienti soltanto con gli occhi e loro proprio da un tuo sguardo cercano un po' di sollievo, vicinanza e sostegno. E' così ogni giorno e, maggiormente, devo ammettere si è sentito ieri, appunto durante il Natale. Essere ricoverato in ospedale già è difficile, poi non poter ricevere nemmeno la visita di un familiare, parente oppure un amico, capite quanto sia maggiormente dura. In questo senso, allora, abbiamo provato ad alleviare la situazione, organizzando videochiamate con le famiglie dei pazienti, affinché ciascuno di loro avesse modo di salutare un proprio caro e vivere qualche istante di serenità. Vedere un sorriso e un po' di gioia sui singoli volti, al termine della telefonata, è qualcosa che riempie il cuore. Questo lo facciamo praticamente in maniera quasi quotidiana, però in certe giornate assume un significato ancora più profondo e forte".

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento