meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 19°
Sab, 27/02/2021 - 12:20

data-top

sabato 27 febbraio 2021 | ore 12:58

"Pronti a riaccogliere i clienti"

Lombardia 'zona gialla' e così ristoranti e bar potranno tornare ad avere i clienti ai tavoli. Come ci stanno arrivando, allora, le varie attività del nostro territorio? Abbiamo incontrato Donato, del ristorante-pizzeria 'La Ruota' di Castano, e Andrea, della 'Caffetteria Piccola Perla' di Turbigo. "Il contatto con la gente ci è mancato tantissimo".
Turbigo - La 'Caffetteria Piccola Perla'

La voglia, ovvio, è tanta. E, in fondo, diversamente non potrebbe essere, dopo mesi e mesi di chiusure, restrizioni e limitazioni. Pronti a riaccogliere, insomma, i clienti e a farlo, di nuovo, là nei loro locali, ai tavoli. Già, perché con la Lombardia che diventerà 'zona gialla' proprio nelle prossime ore, ecco che ristoranti e bar potranno tornare, anche se fino alle 18, a far accomodare le persone. "Come ci arriviamo a questo momento? - racconta Donato, titolare del ristorante-pizzeria 'La Ruota' di Castano - Beh... con tante aspettative e attesa, nel senso che ormai sono settimane dal cosiddetto secondo lockdown che siamo chiusi e, quindi, oggi c'è un grande desiderio di un po' di normalità lavorativa. Certo, ci saranno ancora dei vincoli, ossia il servizio sarà Castano - Donato, del ristorante-pizzeria 'La Ruota' soltanto per il pranzo, ma, comunque, ci aspettiamo di avere un buon riscontro". Un tassello, alla fine, quello del contatto diretto con la clientela che, per chi ha un'attività, è fondamentale. "La gente ci è mancata tantissimo - ribadisce - Vedere la sala vuota e non poter ricevere le persone è stato un dispiacere enorme. Anche se, ci tengo a Castano - Il ristorante-pizzeria 'La Ruota' sottolinearlo, la clientela ci ha sempre fatto sentire la sua vicinanza e il suo sostegno, utilizzando e apprezzando i vari servizi che, durante questi periodi, abbiamo continuato a garantire (consegne a domicilio e asporto). Ora guardiamo al futuro prossimo con tanta voglia di tornare a fare ciò che è la nostra professione; la paura che possano bloccarci nuovamente, non nego che ci sia, però credo che, dopo la seconda ondata, la consapevolezza generale sia ancor più aumentata. Turbigo - Andrea, della 'Caffetteria Piccola Perla' Questa è davvero l'ultima chance che abbiamo, perché se dovessimo tornare indietro si rischierebbe di finire al collasso a livello economico. Ognuno di noi cittadini, insomma, non deve buttare via i sacrifici fatti, bensì mai come adesso sarà necessario muoversi come collettività e non come singoli". "L'attesa è tanta - ribadisce Andrea, della 'Caffetteria Piccola Perla' di Turbigo - Finalmente possiamo riaccogliere i clienti nel locale e riprendere così la vita di tutti i giorni. Ovvio, vedendo quanto accaduto nei mesi passati, la preoccupazione che ci fanno chiudere di nuovo c'è. Purtroppo il Covid non è sparito, ma, intanto, questo passo è una boccata d'ossigeno importante per il commercio".

"LA CLIENTELA AI TAVOLI CI E' MANCATA TANTISSIMO"

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento