meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nessuna nuvola significante -6°
Mar, 19/01/2021 - 02:50

data-top

martedì 19 gennaio 2021 | ore 03:17

Disagi in posta

Ritardi nella consegna, lunghe file, insomma più di un disagio. Diverse le segnalazioni arrivate al sindaco di Nerviano per l'ufficio postale e, così, lo stesso ha scritto al direttore.
Territorio - Poste (Foto internet)

Ritardi nella consegna, lunghe file, insomma più di un disagio. Le segnalazioni pervenute al sindaco di Nerviano Massimo Cozzi da parte di alcuni cittadini riguardo alla situazione dell'ufficio postale di via Dante hanno connotati chiari. E hanno indotto il primo cittadino a prendere carta e penna e a scrivere al direttore dell'avamposto postale cittadino per chiedere chiarimenti in merito. "Raccogliendo le segnalazioni di diversi nervianesi - scrive il primo cittadino - si fanno presente alcune problematiche riscontrate nell'ufficio postale presente nel nostro territorio, l'orario ridotto, attualmente in essere, sta provocando il formarsi di file lunghissime, ci sono ritardi nella consegna della posta, con inevitabili disagi per i cittadini, in alcuni casi si riscontrano risposte non proprio gentili ed educate da parte di impiegati agli sportelli e ricordo a tal proposito che il cliente ( in questo caso il cittadino) merita sempre il massimo rispetto". Cozzi riconosce che operare in condizioni di emergenza non sia la quintessenza della facilità, ma, afferma, "Mi sembra doveroso in qualità di sindaco, farmi portavoce di queste lamentele della cittadinanza". Il primo cittadino del Municipio del Monastero degli Olivetani ha concluso comunicando di essere disponibile a organizzare un incontro per mettere a fuoco la situazione e individuare alcune piste risolutive.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento