meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo coperto, leggera pioggia
Ven, 22/01/2021 - 15:50

data-top

venerdì 22 gennaio 2021 | ore 16:56

Dai loculi alla ciclabile

Nuovi locali al cimitero di Bienate e pista ciclopedonale in via Sardegna. Dall'Amministrazione comunale alle realtà sui banchi dell'opposizione in consiglio comunale.
Magnago - Via Sardegna (Foto d'archivio)

Uno vale 250 mila euro, l'altro 350 mila. L'Amministrazione comunale di Magnago retta dal sindaco Carla Picco ha ordinato le idee su quelle che sono a suo avviso le priorità a cui mettere mano in tema di lavori pubblici. Il primo importo è associato alla realizzazione di nuovi loculi al cimitero di Bienate, il secondo alla creazione di una pista ciclopedonale in via Sardegna, arteria principe della viabilità magnaghese anche per il suo prezioso ruolo di collegamento con altre realtà limitrofe come Borsano di Busto Arsizio e Legnano. "Riteniamo - spiega la giunta - che si tratti di due interventi di estrema rilevanza per il nostro paese, per quanto concerne la pista ciclopedonale dovremo naturalmente fare una serie di passaggi burocratici e tecnici". Il progetto è sposato in pieno anche dal consigliere di opposizione del Movimento 5 Stelle, Emanuele Brunini, che sul punto aveva già chiesto l'attenzione del consiglio comunale tempo fa attraverso un'interrogazione. "L'attuale situazione di via Sardegna - dice - è certamente critica, non ci sono spazi per camminare e quindi occorre intervenire, non entro nel merito della ciclabile, ma mi limito a constatare con soddisfazione che il Comune ha deciso di mettere mano alla via". Chi, invece, vuole vederci più chiaro è il consigliere di Amministrare Insieme 2.0, Mario Ceriotti: "La ciclabile di via Sardegna è un progetto molto a livello teorico, occorrerà tenere conto di più aspetti, non ultimo quello relativo agli espropri".

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento