meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo coperto, leggera pioggia
Sab, 05/12/2020 - 21:50

data-top

sabato 05 dicembre 2020 | ore 22:49

Discarica: assemblea pubblica

Discarica per lo smaltimento di rifiuti speciali proposto dalla società Solter: venerdì 2 ottobre, alle 21, a Busto Garolfo è in programma un'assemblea pubblica.
Territorio - "No discarica' nel Roccolo (Foto internet)

La carne messa al fuoco sarà molta. Si va dalle perplessità sull'atteggiamento assunto da Città Metropolitana a quelle sulle operazioni di preparazione già avviate da chi intende realizzare l'intervento passando per la richiesta di un incontro al ministro dell'ambiente Sergio Costa. Tutto riconducibile a un denominatore comune: l'opposizione di Comuni di Busto Garolfo e Casorezzo, Parco del Roccolo, Comitato Antidiscarica, Legambiente e diversi cittadini al progetto di creazione di una discarica per lo smaltimento di rifiuti speciali proposto dalla società Solter. Una questione che, ancora una volta, le istituzioni della zona vogliono condividere con i cittadini invitandoli a un'assemblea in programma venerdì 2 ottobre alle 21 all'auditorium 'Don Besana' di Busto Garolfo. Gli ingressi, per l'emergenza Covid, saranno contingentati. Per questo è stata prevista anche la possibilità di seguire l'appuntamento anche sul profilo youtube del Comune di Casorezzo. Dopo l'assemblea pubblica organizzata sempre a Busto Garolfo una manciata di mesi fa nel periodo pre-Covid, i cittadini avranno, quindi, la possibilità di conoscere l'evoluzione della situazione. Susanna Biondi e Pierluca Oldani, rispettivamente primi cittadini di Busto Garolfo e Casorezzo, intonano un concetto chiaro: quella discarica sarebbe un colpo al cuore per l'ambiente del territorio e causerebbe scompensi irreversibili, quindi non s'ha da fare.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento