meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 12°
Dom, 05/04/2020 - 21:50

data-top

domenica 05 aprile 2020 | ore 22:12

Ospedali in lutto per il professor Bombelli

Lutto negli Ospedali ASST Valle Olona. E’ morto il professor Renato Bombelli, ortopedico e traumatologo di fama internazionale, 97 anni, legnanese; un punto di riferimento.
Busto Arsizio - Ospedale (Foto internet)

Lutto negli Ospedali ASST Valle Olona. E’ morto il professor Renato Bombelli, ortopedico e traumatologo di fama internazionale, 97 anni, legnanese, che ha portato il nome dell’Ospedale di Busto Arsizio in tutto il mondo grazie agli studi biomeccanici e alle tecniche chirurgiche innovative per la coxartrosi e altre patologie dell’anca. La sua scuola è continuata nel solco dell'innovazione grazie al suo allievo, il dottor Marco Merlo, direttore dell’unità operativa di Ortopedia e Traumatologia dell’Ospedale bustese. “Il professor Bombelli, primario dal 1960 al 1992 della Divisione di Ortopedia e Traumatologia dell’Ospedale di Busto Arsizio, è stato un pioniere della chirurgia dell’anca - ricorda - Era conosciuto in tutto il mondo per l’intervento di osteotomia di valgo-estensione (resezione del femore e ri-orientamento della testa femorale) e per l’artroprotesi isoelastica (costituita da materiali con elasticità simile all’osso). Chirurghi dai cinque continenti, come testimonia il libro degli ospiti ancora conservato in sala operatoria, vennero a Busto per imparare le nuove tecniche, applicandole poi nei loro Paesi”. La Direzione ASST Valle Olona fa suo il ricordo e il dolore per la scomparsa di un medico che tanto ha dato al suo Ospedale, esprimendo vicinanza affettuosa ai figli Paola, Vittorio e Marco. I funerali saranno domani alle 14, nella Chiesa di Santa Maria delle Grazie a Legnano.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento