meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno
Lun, 29/11/2021 - 04:20

data-top

lunedì 29 novembre 2021 | ore 04:14

Bernate e Boffalora da... Gerry Scotti

I bernatesi e i boffaloresi sono stati a far da pubblico nella famosa trasmissione "Chi vuol essere milionario?"
Generica - Gerry Scotti (da internet)

Durante la scorsa settimana un numeroso gruppo di cittadini dei comuni di Bernate Ticino e di Boffalora sopra Ticino, guidati dai rispettivi sindaci, Osvaldo Chiaramonte e Curzio Trezzani, si sono 'infilati' in un ampio pullman e hanno fatto capolino nella famosa trasmissione in onda su Canale 5 “Chi vuol essere milionario?”, condotta dall'altrettanto noto presentatore, Gerry Scotti. Nel corso della presenza allo studio 20 di Cologno Monzese – luogo dove si svolge la registrazione del programma – i bernatesi e i boffaloresi non si sono certo tenuti in disparte, e sono diventati protagonisti di simpatici siparietti con Scotti, abile a sostenere sempre il 'gioco' propostogli dai suoi interlocutori. Come spesso capita in “Chi vuol essere milionario?”, il pubblico, che mi permetto di chiamare “ticinese”, ha portato diverse specialità dei luoghi d'origine. Su tutte fanno scalpore la Casöla della scatenata signora Angelina e il Michelac, dolce tipico di Bernate. I sindaci hanno inoltre donato al presentatore un libro sul parco del Ticino che Gerry Scotti ha definito “bello”, aggiungendo, forse con una cortese bugia, l'affermazione “ lo leggerò sicuramente”. Lo leggera davvero? Forse, ma infondo non importa... ai “Ticinesi” bastava essere lì, sorridere e per un giorno sentirsi davvero famosi parlando alla pari con un personaggio famoso come Scotti, bravo del resto a mettersi sempre alla stregua del pubblico in sala. Le tre puntate registrate alla presenza dei cittadini bernatesi e boffaloresi, sono andate in onda nei giorni 18,19 e 20 aprile.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo