meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nessuna nuvola significante
Ven, 21/01/2022 - 19:50

data-top

venerdì 21 gennaio 2022 | ore 19:19

Il Glenn Gould di Víkingur Ólafsson

Il giovane islandese omaggia il grande maestro del pianoforte che quest'anno avrebbe compiuto 80 anni. La musica si mischia alle diverse emozioni.
Víkingur Ólafsson, photo Saga Sig

19 settembre 2012, Festival MITO SettembreMusica. Sono le 21, sul palco dell’auditorium San Fedele appare un giovane, quasi un ragazzino, con la riga da parte e gli occhiali da secchione. Davanti a lui un pianoforte. Il giovane è magrissimo, alto, sembra scoordinato. Ma ecco dagli altoparlanti diffondersi la voce di Glenn Gould, il grande pianista canadese che quest’anno avrebbe compiuto 80 anni, autore di un programma radiofonico che esplorava la solitudine delle sperdute regioni del Nord Canada in cui si era rifugiato, The Idea of North. Come vittima di un incantesimo, il ragazzino, il pianista islandese Víkingur Ólafsson, diventa spigliato, abile, svelto, mette mani alla tastiera e diffonde una magia che rapisce il pubblico e lo incolla sulle poltroncine. Non vola una mosca, solo note sinuose che gridano e abbassano la voce, danzando tra pezzi di Bach, Brahms, Grieg, Sibelius, Liszt e Wagner. Tra un brano e l’altro la voce registrata di Gould sembra approvare e compiacersi del suo discepolo sbarazzino. Un concerto strepitoso da contemplare in silenzio. Questo è stato Another Idea of North, l’omaggio a Glenn Gould di Víkingur Ólafsson.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento