meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo coperto
Sab, 05/12/2020 - 04:50

data-top

sabato 05 dicembre 2020 | ore 05:43

Stefania e la SLA della mamma

Il libro di Stefania Piscopo, infermiera magentina. Un testo che racconta la sua vicenda nell'affrontare la malattia della madre. Pagine piene di emozioni e parole per riflettere.
Salute / Libri - 'Mi manca la tua voce'

"Dunque Stefania. Già al ‘dunque’ un fremito mi scosse le viscere. Esiste forse una frase a lieto fine, pronunciata da un medico, che inizia con un ‘dunque’? Il ‘dunque’ è portatore sano di guai. Sparge brutte notizie senza saperlo”: questo estratto viene dal libro di Stefania Piscopo, intitolato ‘Mi manca la tua voce. Da figlia a caregiver: come ho dichiarato guerra alla SLA’. Il volume, edito da La Memoria del Mondo e con la prefazione di Mina Welby, sarà presentato alle 17 di domenica 24 novembre presso la sala conferenze di Casa Giacobbe a Magenta. Un libro importante, per tante ragioni, le une intrecciate alle altre. La prima riguarda il lato umano della triste vicenda che ha coinvolto l’autrice e la sua famiglia. Stefania è un’infermiera, la cui vita, insieme a quella dei suoi cari, cambia improvvisamente nel dicembre 2018. Alla madre dell’autrice, Graziella, viene, infatti, diagnosticata la Sclerosi Laterale Amiotrofica, una malattia degenerativa e implacabile. Il libro di Stefania è “Il racconto della fatica, della paura, della disperazione di non poter fare nulla per arrestare la malattia”, scrive l’autrice. ‘Mi manca la tua voce’ è realizzato “Con il punto di vista di un’infermiera che è però anche, e soprattutto, una figlia. Uno degli obiettivi che mi sono data durante la stesura è di far riflettere il lettore sulle leggi in tema di sanità, su quello che potrebbe capitare a chiunque, e qual è stato il nostro modo per affrontare una malattia neurodegenerativa così crudele”, ha spiegato Stefania Piscopo.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento