meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole discontinue, leggera pioggia 18°
Ven, 03/07/2020 - 21:20

data-top

venerdì 03 luglio 2020 | ore 22:21

"Il Governo intervenga sui disservizi delle raccomandate"

“'Il postino suona sempre due volte', si dice ricordando il titolo di un celebre film, ma qui il campanello non viene proprio nemmeno più sfiorato"
Generica - Postino (da internet)

“Iniziative per garantire il rispetto delle procedure nella consegna delle lettere raccomandate e di tutta la posta che necessiti di una firma per il ritiro, senza ulteriori aggravi di oneri e incombenze per i destinatari”. E’ quanto sollecitano i deputati della Lega in Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni della Camera in un’interrogazione al Ministro dello sviluppo economico, Stefano Patuanelli.
“'Il postino suona sempre due volte', si dice ricordando il titolo di un celebre film, ma qui il campanello non viene proprio nemmeno più sfiorato – sottolinea il vicecapogruppo vicario della Lega alla Camera e primo firmatario dell'interrogazione, Fabrizio Cecchetti -. Lasciare l’avviso di giacenza nella cassetta della posta senza neanche verificare se qualcuno risponda al campanello, sia in casa e se possa ritirare la raccomandata, è un metodo non solo sbagliato, ma anche gravemente lesivo dei diritti dei cittadini. Da Nord a Sud e senza risparmiare il Centro Italia, i disservizi di Poste Italiane nella consegna delle raccomandate sono sempre più diffusi. Colpiscono in particolare i lavoratori, che non possono recarsi agli sportelli in orario d'ufficio, e le persone anziane, specie quelle che vivono in piccoli comuni o frazioni dove gli sportelli sono stati chiusi. Chiediamo al Ministro di intervenire verificando cosa stia accadendo e perché".

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento