meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole discontinue 13°
Gio, 15/11/2018 - 12:50

data-top

giovedì 15 novembre 2018 | ore 13:21

Videogiocando... si impara

Il prossimo 24 febbraio l'istituto superiore 'Torno' di Castano ospiterà 'Game@School', l'olimpiade nazionale del videogioco nella didattica. Gli studenti saranno protagonisti.
Castano Primo - L'istituto superiore 'Torno' in piazzale Don Milani

Giocando si impara. Ma videogiocando… ancora di più. Chi l’ha detto, insomma, che didattica e videogames non possano andare d’accordo. Ci vanno, eccome, e presto se ne avrà la prova anche a Castano Primo. Già, perché il prossimo 24 febbraio l’istituto d’istruzione superiore ‘Torno’ sarà protagonista, insieme ad altre scuole di tutta Italia, di ‘Game@School’, ossia l’olimpiade nazionale appunto del videogioco nella didattica. Che cos’è, allora, più nello specifico? Nientemeno che una competizione vera e propria tra squadre di studenti che si sfideranno nella realizzazione di un gioco elettronico a scopo formativo su un tema che verrà comunicato il giorno stesso. E, contemporaneamente, ecco anche un corso di formazione per gli accompagnatori dei vari gruppi, per i genitori e per i docenti. “Il videogame può assumere valenze positive se inserito in una didattica quotidiana ispirata a metodologie attive, in cui l’alunno acquisisce capacità riflessive e analitiche – si legge sulla presentazione ufficiale dell’appuntamento (che ricordiamo, è organizzato dall’associazione Centro Studi ImparaDigitale, con la collaborazione del Comune di Bergamo e dell’associazione Editori Sviluppatori Videogiochi Italiani, la consulenza tecnica di Digital Bros Game Academy e il supporto di una serie di aziende) – E’ ormai assodato, infatti, che utilizzando simili strumenti in aula, i ragazzi riescano a sviluppare e potenziare le loro capacità analitiche, accelerando il processo di apprendimento, dando sfogo alla creatività e risolvendo problemi o situazioni complesse. Non solo, in parallelo aiutano la concentrazione, ispirano nuove idee e danno un senso di rassicurazione. I videogiochi didattici, ma in generale i giochi, offrono agli studenti l’opportunità di prendere rischi, coltivare forti capacità cognitive, fallire e immediatamente provare di nuovo per cercare di completare il task o il livello”. L’appuntamento, come detto, sarà il 24 febbraio nella scuola di piazzale Don Milani. “Per noi è certamente un’importante opportunità – dice la professoressa Simona De Pascalis, referente per l’innovazione del ‘Torno’ – Poter essere una delle realtà scolastiche teatro di questo evento è, infatti, un momento di ulteriore crescita per tutto il nostro istituto. L’anno scorso, con la classe 2E del Liceo delle Scienze Umane avevamo partecipato alla competizione a Bergamo, oggi invece saranno altre scuole a venire da noi. In totale, abbiamo in questo momento 10 squadre iscritte che provengono dalla provincia di Milano (e non solo) e che al loro interno hanno ragazzi di ogni età; più gli accompagnatori: docenti, genitori e familiari. Si tratta di una bellissima esperienza che riesce a coinvolgere gli studenti in maniera diretta e mettendo in luce le loro qualità e capacità”.

Invia nuovo commento