meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole discontinue
Ven, 02/12/2022 - 23:50

data-top

sabato 03 dicembre 2022 | ore 00:55

La contesa con 2iReteGas

I comuni di Inveruno, Busto Garolfo, Cuggiono, Bernate Ticino, Marcallo con Casone, Nerviano e San Giorgio su Legnano guardano con più serenità al terzo grado di giudizio contro 2iReteGas.
Generica - 2iReteGas

2iReteGas, società concessionaria per la distribuzione del gas naturale, per i Comuni di Inveruno, Busto Garolfo, Cuggiono, Bernate Ticino, Marcallo con Casone, Nerviano, San Giorgio su Legnano, alla fine della naturale durata dei vari contratti, smise man mano di pagare il canone pattuito rischiando di causare notevoli buchi nei bilanci comunali. Le municipalità opposero immediatamente il fatto che il contratto andasse considerato automaticamente in proroga, dal momento che i Comuni non hanno la possibilità di indire autonomamente nuove gare d’appalto, onere che spetta di solito ad un Comune capofila di ogni Atem (Ambito Territoriale per la distribuzione del gas naturale, nel nostro caso, Legnano).
Di qui nacque un contenzioso che, per entrambi i gradi di giudizio, si risolse a favore dei Comuni, che si videro riconosciuti i pagamenti del canone per il biennio 2016-2017 e successivi.
Al fine di chiarire e consolidare il significato della legge di riferimento, i Comuni hanno sollecitato alle autorità competenti e al Parlamento di esprimersi con un’interpretazione autentica della norma. Sia l’Autorità per il Gas e l’Energia che il Parlamento si sono espressi consolidando la posizione dei Comuni.
La questione ora è arrivata fin innanzi alla Corte Costituzionale, dove è stata sollevata la questione di incostituzionalità della norma.
Nel giorno di Sant’Ambrogio, la Corte Costituzionale ha emesso la sentenza n.239 dell’anno 2021, esprimendosi in favore della costituzionalità della norma (per la precisione l’art. 1, comma 453, della legge 11 dicembre 2016, n. 232).
Secondo la legge attuale, dunque, le società di distribuzione del gas naturale devono continuare a pagare i Comuni finché essi non concludono una nuova gara.
Poiché tutti i Comuni della zona devono ancora affrontare il terzo grado di giudizio (Cassazione) su iniziativa di 2iReteGas, con questa sentenza possono guardare al futuro dei loro bilanci con meno apprensione.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La gratuità del servizio è possibile grazie agli investitori pubblicitari che si affidano alla nostra testata. Se vuoi comunque lasciare un tuo prezioso contributo scrivi ad amministrazione [at] comunicarefuturo [dot] com
Grazie!

Rispondi